Archivio Articoli

Editoriale

Dopo un esperimento durato qualche anno ho scoperto che mancava un sito di informazione tecnologica "leggero" per tutti coloro che hanno la necessità di restare informati senza "fronzoli", ma in modo telegrafico e magari divertente. Mi auguro diventiate parte di questa ricerca al fine di migliorare la qualità delle informazioni...

Edward Voskeritchian

laeffe, la TV di Feltrinelli presentazione palinsesti

Translator

Tecnologopercaso RSS Feed

Ruckus Wireless supporta il nuovo protocollo IEEE 802.11u: la nuova frontiera del Wi-Fi per una connessione e autentificazione automatica alla rete

L’azienda californiana al lavoro con Wi-Fi Alliance per migliorare l’esperienza d’uso degli utenti su reti Wi-Fi. Ruckus Wireless (www.ruckuswireless.com) ha annunciato che integrerà, all’interno di tutta la sua gamma di prodotti Smart Wi-Fi, il supporto al nuovo ed emergente protocollo IEEE 802.11u. Il processo sarà terminato nei


prossimi 12 mesi.

A seguito della crescita esplosiva di dispositivi con funzionalità Wi-Fi e dell’ incremento esponenziale dei dati che coinvolge le reti mobili, gli operatori di tutto il mondo si trovano a dover trovare soluzioni efficaci per reindirizzare il traffico dati verso reti con un più ampio spettro di banda come il Wi-Fi. Connettersi a reti Wi-Fi pubbliche è sempre difficoltoso in quanto questa procedura richiede la selezione manuale del network che si intende utilizzare e la configurazione del proprio dispositivo per funzionare correttamente.

Il nuovo protocollo 802.11u e Hotspot 2.0 sono stati sviluppati proprio per risolvere queste problematiche, rappresentando un nuovo punto di partenza nell’evoluzione del Wi-Fi. Queste ultime tecnologie consentono, infatti, di semplificare enormemente l’uso e l’integrazione delle reti Wi-Fi alle reti mobili. Nato come standard creato da Wi-Fi Alliance, Hotspot 2.0 implementa il protocollo 802.11u come elemento fondamentale per automatizzare i processi di ricerca della rete, registrazione e accesso che a oggi devono essere fatti manualmente al momento della connessione a un hotspot.

“Grazie al progetto Hotspot 2.0 e al nuovo protocollo 802.11u l’industria del Wi-Fi è a un importante punto di svolta” ha dichiarato Michael Paparella, Managing Director di Ruckus Wireless in Italia. “Il Wi-Fi sta diventando un elemento fondamentale e integrante per le reti mobili che si trovano a far fronte a una crescita esponenziale del traffico, data l’invasione di smartphone, tablet e altri device. Fenomeno questo che è appena iniziato e da cui non si potrà più prescindere negli anni a venire. Il Wi-Fi sta assumendo un ruolo cruciale e Ruckus Wireless è sempre impegnata in prima linea per essere pioniera e sostenere le nuove tecnologie che guideranno il mercato nei prossimi anni” ha concluso Paparella.

U = Utente in primo piano

Con 802.11u e Hotspot 2.0 l’utente può connettersi in maniera automatica e attivare le procedure di autenticazione e connessione alla migliore rete Wi-Fi disponibile intorno a sé senza dover trafficare attraverso varie configurazioni dei loro dispositivi. Questo porta a una semplificazione estrema dell’uso del Wi-Fi, comparabile all’automatico processo di selezione delle reti cellulari a cui siamo abituati per i telefoni cellulari.

802.11u e Hotspot 2.0 sono in grado di gestire direttamente il processo che intercorre tra l’access point Wi-Fi e il dispositivo mobile, sia esso uno smartphone o un tablet. Gli access point 802.11u garantiscono supporto al protocollo e sono in grado di fornire al device dell’utente le informazioni sulla migliore rete hotspot nonché garantire tutti i meccanismi di sicurezza legati a questo processo. Dopo l’analisi delle informazioni, il dispositivo sceglie la rete migliore e automaticamente attua le procedure di configurazione per connettersi alla rete selezionata.

Hotspot 2.0 offrirà, quindi, una serie di vantaggi agli operatori che intendono ottimizzare le proprie reti mobili quali:

Eliminazione selettiva del traffico IP non necessario alle reti mobile

Miglioramento dell’esperienza d’uso dell’utente attraverso:

o Selezione, autenticazione e roaming automatico direttamente dal dispositivo mobile

o Opzioni flessibili di autenticazione a supporto di più dispositive e degli accordi di roaming

o In-band provisioning dell’account

o Notifica del tipo di rete (privata, pubblica libera, pubblica a pagamento)

o Notifica della capacità di rete attraverso i due nuovi protocolli

Ottimizzazione dei servizio e monetizzazione

Una migliore esperienza Wi-Fi, tempismo perfetto

802.11u e Hotspot 2.0 arrivano sul mercato proprio quando la domanda di connettività wireless sta generando la proliferazione di hospot Wi-Fi. Anche in Italia, sempre più città, piazze, musei e punti di interesse sono dotati o stanno implementando hotspot Wi-Fi.  Secondo uno studio di  In-Stat Research dal titolo “Hotspot Wi-Fi: 3G offload, l’alternativa per gli operatori mobili” le aree coperte da connettività tramite hotspot a livello mondiale passeranno da 421.000 nel 2010 a 1,2 milioni nel solo 2015. L’utilizzo di queste reti registrerà un simile incremento raggiungendo  120 miliardi di connessioni nel 2015 (solo 4 miliardi 5 nel 2010).

Da sempre in prima linea e pioniera nello sviluppo del Wi-Fi, Ruckus Wireless lavora all’interno della Wi-Fi Alliance per sviluppare un programma di certificazione di Hotspot 2.0 e parteciperà alla Wireless Broadband Alliance portando i risultati dei primi trial a supporto degli hotspot di nuova generazione. Sul piano pratico, infatti, Ruckus Wireless è già pronta a implementare queste nuove tecnologie avendo dimostrato il pieno supporto allo standard Hotspot 2.0 con un progetto pilota realizzato con un operatore statunitense.


Sfoglia il Magazine

Sfoglia il Magazine

Tecnologopercaso Digest

Corporate News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8

Articoli per gg

novembre: 2013
L M M G V S D
« ott    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

Guarda il canale Video TPC TV

Guarda il canale Video TPC TV