to all hi-tech lovers



Kaspersky Lab: il comportamento online dei genitori può mettere a rischio il rapporto con i figli



I social network ci permettono di comunicare con parenti e amici in ogni momento e in qualsiasi luogo ci troviamo. Tuttavia, questa libertà ha un costo: accecati dalle nostre

vite digitali apparentemente felici spesso non ci rendiamo conto di come i social minaccino e danneggino le nostre relazioni del mondo reale. Una nuova indagine condotta da Kaspersky Lab ha svelato che una persona su tre ha meno rapporti faccia a faccia con i propri cari e che il 21% dei genitori ammette che la loro relazione con i figli sia peggiorata dopo essere stati scoperti in una situazione compromettente sui social media.
Con la crescente tendenza a pubblicare foto proprie o di amici sotto l'effetto di alcol, con addosso vestiti imbarazzanti o persino nudi solo per ottenere più “mi piace”, è sempre più evidente come i social network possano danneggiare le relazioni offline. Tuttavia, mentre ci aspetteremmo che siano i genitori a non approvare la condotta online dei propri figli, spesso accade il contrario. Più di un genitore su cinque ha infatti ammesso che la propria relazione con i figli è stata rovinata dall'essere stato visto in situazioni compromettenti sui social network, mentre il 14% dei genitori ha affermato di trovare noioso il comportamento online dei propri figli. Inoltre, quasi una persona su cinque (16%) ha ammesso che la propria relazione con il partner si è incrinata dopo essere stati scoperti in situazioni compromettenti sui social.
Le relazioni con familiari, amici e colleghi stanno cambiando e si stanno spostando sui social media: un terzo degli intervistati ha ammesso di comunicare di meno con parenti (31%), figli (33%), partner (23%) e amici (35%) nella vita reale, preferendo invece mantenere i rapporti attraverso i social media.
La Dottoressa Astrid Carolus, Media Psychologist all'Università di Würzburg, ha commentato: “Le ricerche dimostrano che oggi la comunicazione digitale completa quella della vita reale. Viviamo in un mondo globalizzato e sempre più mobile, che spesso porta ad avere relazioni a distanza con partner e familiari. La comunicazione digitale è un'opportunità per colmare le distanze che caratterizzano le nostre vite, tuttavia non può sostituire la comunicazione faccia a faccia, o almeno non del tutto e non sempre. La comunicazione digitale è infatti meno ricca in termini di canali sensoriali coinvolti, comportando una minore qualità sensoriale della conversazione”.
Sebbene le persone comunichino meno faccia a faccia, quasi metà degli intervistati non crede che la qualità delle proprie relazioni ne risenta e, anzi, pensa che venga migliorata dalla possibilità di essere sempre connessi online. La Dottoressa Astrid Carolus avverte che, sebbene sembri che la qualità delle nostre relazioni stia migliorando, le persone spesso non riescono a valutare obiettivamente le proprie comunicazioni online: “In determinate circostanze gli utenti hanno l'impressione di avere comunicazioni molto personali e possono fraintendere e sopravvalutare i messaggi inviati sui social network. Ci sentiamo particolarmente vicini, ci rifiutiamo di vedere le negatività, ci concentriamo sulle possibili intenzioni positive dietro a ogni messaggio e tendiamo a sopravvalutarlo”.
Lo studio ha rivelato che, anche se i social media possono facilitare le comunicazioni e superare le barriere di tempo e spazio, non sempre rendono felici le persone. Essi infatti possono rovinare le relazioni, turbare le persone che confrontano le loro vite con quelle degli altri e farle sentire tristi. La caccia ai “mi piace” e all'approvazione sociale porta gli utenti a condividere sempre più informazioni personali sui social network mettendo in pericolo non solo se stessi ma anche amici, familiari e colleghi. Inoltre, per chi decidesse di uscire dai social media, la paura di perdere una vita di ricordi digitali, tra cui foto e messaggi, può complicare le cose.
Per proteggere se stessi e le proprie relazioni, le persone dovrebbero essere più attente alle informazioni che condividono sui social network. Questo non li aiuterà solo a ridurre i rischi di internet, ma anche a evitare danni alle relazioni del mondo reale. Per aiutare gli utenti a tenere al sicuro i propri ricordi, indipendentemente dalla durata del loro percorso sui social media, Kaspersky Lab sta sviluppando una nuova app: FFForget permetterà alle persone di archiviare tutti i ricordi presenti sui social network e tenerli al sicuro in una cartella criptata.

TORNA ALLA PAGINA PRINCIPALE


Kaspersky Lab: il comportamento online dei genitori può mettere a rischio il rapporto con i figli



I social network ci permettono di comunicare con parenti e amici in ogni momento e in qualsiasi luogo ci troviamo. Tuttavia, questa libertà ha un costo: accecati dalle nostre

vite digitali apparentemente felici spesso non ci rendiamo conto di come i social minaccino e danneggino le nostre relazioni del mondo reale. Una nuova indagine condotta da Kaspersky Lab ha svelato che una persona su tre ha meno rapporti faccia a faccia con i propri cari e che il 21% dei genitori ammette che la loro relazione con i figli sia peggiorata dopo essere stati scoperti in una situazione compromettente sui social media.
Con la crescente tendenza a pubblicare foto proprie o di amici sotto l'effetto di alcol, con addosso vestiti imbarazzanti o persino nudi solo per ottenere più “mi piace”, è sempre più evidente come i social network possano danneggiare le relazioni offline. Tuttavia, mentre ci aspetteremmo che siano i genitori a non approvare la condotta online dei propri figli, spesso accade il contrario. Più di un genitore su cinque ha infatti ammesso che la propria relazione con i figli è stata rovinata dall'essere stato visto in situazioni compromettenti sui social network, mentre il 14% dei genitori ha affermato di trovare noioso il comportamento online dei propri figli. Inoltre, quasi una persona su cinque (16%) ha ammesso che la propria relazione con il partner si è incrinata dopo essere stati scoperti in situazioni compromettenti sui social.
Le relazioni con familiari, amici e colleghi stanno cambiando e si stanno spostando sui social media: un terzo degli intervistati ha ammesso di comunicare di meno con parenti (31%), figli (33%), partner (23%) e amici (35%) nella vita reale, preferendo invece mantenere i rapporti attraverso i social media.
La Dottoressa Astrid Carolus, Media Psychologist all'Università di Würzburg, ha commentato: “Le ricerche dimostrano che oggi la comunicazione digitale completa quella della vita reale. Viviamo in un mondo globalizzato e sempre più mobile, che spesso porta ad avere relazioni a distanza con partner e familiari. La comunicazione digitale è un'opportunità per colmare le distanze che caratterizzano le nostre vite, tuttavia non può sostituire la comunicazione faccia a faccia, o almeno non del tutto e non sempre. La comunicazione digitale è infatti meno ricca in termini di canali sensoriali coinvolti, comportando una minore qualità sensoriale della conversazione”.
Sebbene le persone comunichino meno faccia a faccia, quasi metà degli intervistati non crede che la qualità delle proprie relazioni ne risenta e, anzi, pensa che venga migliorata dalla possibilità di essere sempre connessi online. La Dottoressa Astrid Carolus avverte che, sebbene sembri che la qualità delle nostre relazioni stia migliorando, le persone spesso non riescono a valutare obiettivamente le proprie comunicazioni online: “In determinate circostanze gli utenti hanno l'impressione di avere comunicazioni molto personali e possono fraintendere e sopravvalutare i messaggi inviati sui social network. Ci sentiamo particolarmente vicini, ci rifiutiamo di vedere le negatività, ci concentriamo sulle possibili intenzioni positive dietro a ogni messaggio e tendiamo a sopravvalutarlo”.
Lo studio ha rivelato che, anche se i social media possono facilitare le comunicazioni e superare le barriere di tempo e spazio, non sempre rendono felici le persone. Essi infatti possono rovinare le relazioni, turbare le persone che confrontano le loro vite con quelle degli altri e farle sentire tristi. La caccia ai “mi piace” e all'approvazione sociale porta gli utenti a condividere sempre più informazioni personali sui social network mettendo in pericolo non solo se stessi ma anche amici, familiari e colleghi. Inoltre, per chi decidesse di uscire dai social media, la paura di perdere una vita di ricordi digitali, tra cui foto e messaggi, può complicare le cose.
Per proteggere se stessi e le proprie relazioni, le persone dovrebbero essere più attente alle informazioni che condividono sui social network. Questo non li aiuterà solo a ridurre i rischi di internet, ma anche a evitare danni alle relazioni del mondo reale. Per aiutare gli utenti a tenere al sicuro i propri ricordi, indipendentemente dalla durata del loro percorso sui social media, Kaspersky Lab sta sviluppando una nuova app: FFForget permetterà alle persone di archiviare tutti i ricordi presenti sui social network e tenerli al sicuro in una cartella criptata.

TORNA ALLA PAGINA PRINCIPALE


Kaspersky Lab: il comportamento online dei genitori può mettere a rischio il rapporto con i figli



I social network ci permettono di comunicare con parenti e amici in ogni momento e in qualsiasi luogo ci troviamo. Tuttavia, questa libertà ha un costo: accecati dalle nostre

vite digitali apparentemente felici spesso non ci rendiamo conto di come i social minaccino e danneggino le nostre relazioni del mondo reale. Una nuova indagine condotta da Kaspersky Lab ha svelato che una persona su tre ha meno rapporti faccia a faccia con i propri cari e che il 21% dei genitori ammette che la loro relazione con i figli sia peggiorata dopo essere stati scoperti in una situazione compromettente sui social media.
Con la crescente tendenza a pubblicare foto proprie o di amici sotto l'effetto di alcol, con addosso vestiti imbarazzanti o persino nudi solo per ottenere più “mi piace”, è sempre più evidente come i social network possano danneggiare le relazioni offline. Tuttavia, mentre ci aspetteremmo che siano i genitori a non approvare la condotta online dei propri figli, spesso accade il contrario. Più di un genitore su cinque ha infatti ammesso che la propria relazione con i figli è stata rovinata dall'essere stato visto in situazioni compromettenti sui social network, mentre il 14% dei genitori ha affermato di trovare noioso il comportamento online dei propri figli. Inoltre, quasi una persona su cinque (16%) ha ammesso che la propria relazione con il partner si è incrinata dopo essere stati scoperti in situazioni compromettenti sui social.
Le relazioni con familiari, amici e colleghi stanno cambiando e si stanno spostando sui social media: un terzo degli intervistati ha ammesso di comunicare di meno con parenti (31%), figli (33%), partner (23%) e amici (35%) nella vita reale, preferendo invece mantenere i rapporti attraverso i social media.
La Dottoressa Astrid Carolus, Media Psychologist all'Università di Würzburg, ha commentato: “Le ricerche dimostrano che oggi la comunicazione digitale completa quella della vita reale. Viviamo in un mondo globalizzato e sempre più mobile, che spesso porta ad avere relazioni a distanza con partner e familiari. La comunicazione digitale è un'opportunità per colmare le distanze che caratterizzano le nostre vite, tuttavia non può sostituire la comunicazione faccia a faccia, o almeno non del tutto e non sempre. La comunicazione digitale è infatti meno ricca in termini di canali sensoriali coinvolti, comportando una minore qualità sensoriale della conversazione”.
Sebbene le persone comunichino meno faccia a faccia, quasi metà degli intervistati non crede che la qualità delle proprie relazioni ne risenta e, anzi, pensa che venga migliorata dalla possibilità di essere sempre connessi online. La Dottoressa Astrid Carolus avverte che, sebbene sembri che la qualità delle nostre relazioni stia migliorando, le persone spesso non riescono a valutare obiettivamente le proprie comunicazioni online: “In determinate circostanze gli utenti hanno l'impressione di avere comunicazioni molto personali e possono fraintendere e sopravvalutare i messaggi inviati sui social network. Ci sentiamo particolarmente vicini, ci rifiutiamo di vedere le negatività, ci concentriamo sulle possibili intenzioni positive dietro a ogni messaggio e tendiamo a sopravvalutarlo”.
Lo studio ha rivelato che, anche se i social media possono facilitare le comunicazioni e superare le barriere di tempo e spazio, non sempre rendono felici le persone. Essi infatti possono rovinare le relazioni, turbare le persone che confrontano le loro vite con quelle degli altri e farle sentire tristi. La caccia ai “mi piace” e all'approvazione sociale porta gli utenti a condividere sempre più informazioni personali sui social network mettendo in pericolo non solo se stessi ma anche amici, familiari e colleghi. Inoltre, per chi decidesse di uscire dai social media, la paura di perdere una vita di ricordi digitali, tra cui foto e messaggi, può complicare le cose.
Per proteggere se stessi e le proprie relazioni, le persone dovrebbero essere più attente alle informazioni che condividono sui social network. Questo non li aiuterà solo a ridurre i rischi di internet, ma anche a evitare danni alle relazioni del mondo reale. Per aiutare gli utenti a tenere al sicuro i propri ricordi, indipendentemente dalla durata del loro percorso sui social media, Kaspersky Lab sta sviluppando una nuova app: FFForget permetterà alle persone di archiviare tutti i ricordi presenti sui social network e tenerli al sicuro in una cartella criptata.

TORNA ALLA PAGINA PRINCIPALE


 SEI NELLA PAGINA 104   Link pagine: 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21 - 22 - 23 - 24 - 25 - 26 - 27 - 28 - 29 - 30 - 31 - 32 - 33 - 34 - 35 - 36 - 37 - 38 - 39 - 40 - 41 - 42 - 43 - 44 - 45 - 46 - 47 - 48 - 49 - 50 - 51 - 52 - 53 - 54 - 55 - 56 - 57 - 58 - 59 - 60 - 61 - 62 - 63 - 64 - 65 - 66 - 67 - 68 - 69 - 70 - 71 - 72 - 73 - 74 - 75 - 76 - 77 - 78 - 79 - 80 - 81 - 82 - 83 - 84 - 85 - 86 - 87 - 88 - 89 - 90 - 91 - 92 - 93 - 94 - 95 - 96 - 97 - 98 - 99 - 100 - 101 - 102 - 103 - 104 - 105 - 106 - 107 - 108 - 109 - 110 - 111 - 112 - 113 - 114 - 115 - 116 - 117 - 118 - 119 - 120 - 121 - 122 - 123 - 124 - 125 - 126 - 127 - 128 - 129 - 130 - 131 - 132 - 133 - 134 - 135 - 136 - 137 - 138 - 139 - 140 - 141 - 142 - 143 - 144 - 145 - 146 - 147 - 148 - 149 - 150 - 151 - 152 - 153 - 154 - 155 - 156 - 157 - 158 - 159 - 160 - 161 - 162 - 163 - 164 - 165 - 166 - 167 - 168 - 169 - 170 - 171 - 172 - 173 - 174 - 175 - 176 - 177 - 178 - 179 - 180 - 181 - 182 -



Mail: press@tecnologopercaso.com

Privacy &
Cookies



Powered by MMS - © 2016 EUROTEAM