to all hi-tech lovers



Eaton impegnata in una campagna per sensibilizzare sulla protezione da incendi causati da guasti di natura elettrica



Fumo, incendi e fiamme possono causare danni ingenti agli immobili residenziali e comportare rischi significativi in termini di lesioni o decessi.

Basti pensare che in Europa, circa 4.000 persone muoiono ogni anno a causa di incendi. Il bilancio è di circa 11 decessi al giorno. Dato che in media oltre il 25% di questi incidenti è causato dall'elettricità, Eaton – la cui mission è la gestione efficiente e sicura dell'energia – ha lanciato un'iniziativa per promuovere una migliore conoscenza in merito a questa problematica.
Nell'ambito di questa iniziativa, Eaton ha pubblicato un whitepaper in cui Alfred Mörx – esperto indipendente in materia di sicurezza elettrica in Europa – studia il fenomeno di incendi causati da guasti agli impianti elettrici e con un focus su quelli dovuti alla formazione di archi elettrici. L'autore approfondisce le misure di protezione in grado di ridurre i rischi connessi alla progettazione e alla realizzazione di un impianto, in particolare nel settore degli edifici e del residenziale. Inoltre, sottolinea che nelle corrispondenti norme tecniche internazionali IEC ed europee CENELEC sono state adottate opportune disposizioni riguardanti i sistemi e i dispositivi di protezione da guasti dovuti ad archi elettrici.
"Alcune di queste norme relative agli impianti sono già state o sono attualmente in fase di integrazione in alcuni codici di attuazione nazionali e sono state inoltre integrate con ulteriori requisiti nazionali", spiega Mörx. " In Germania, ad esempio, l'ultima edizione della norma VDE 0100-420 affronta proprio la tematica dell'uso di sistemi di protezione dei guasti causati da archi elettrici per le apparecchiature ad installazione fissa. A partire da febbraio 2016, i nuovi dispositivi di protezione dai guasti dovuti ad archi elettrici – AFDD – sono da prendere in considerazione nella progettazione di nuovi impianti in alcuni circuiti e in modifiche o ampliamenti ai sistemi elettrici esistenti".
In Italia il documento CENELEC HD 60364-4-42 è stato recepito nel Marzo 2017 dalla nuova variante V3 della norma impianti italiana CEI 64/8. Nella sezione 422 della CEI 64/8 v3 si prescrive, infatti, che debbano essere adottati provvedimenti contro il pericolo di “arco serie” e l'AFDD viene indicato come una delle misure adeguate a tale scopo. L'ambito di prescrizione è in particolare quello dei luoghi a maggior rischio in caso di incendio di cui alla sez. 751 o quelli soggetti a vincolo artistico/monumentale e/o destinati alla custodia di beni insostituibili. Si tratta quindi di un ambito di applicazione in realtà molto vasto nel mondo del Building e che comunque non preclude la possibilità di utilizzare gli AFDD in qualsiasi ambiente, comprese – come suggerisce la stessa EN 62606 – le strutture con posti letto o con difficoltà di evacuazione (quindi anche il residenziale o le strutture di ricezione alberghiera e ospedaliera).
Diversi sono gli aspetti connessi alla Protezione di persone e cose da tutti i potenziali guasti e rischi in un impianto elettrico. Gli interruttori magnetotermici sono il mezzo insostituibile per proteggere dalle sovracorrenti, siano essi sovraccarichi che cortocircuiti. Ma a volte la corrente di guasto risulta inferiore alle soglie di intervento: è questo il caso, ad esempio, di linee molto lunghe con impedenza di guasto molto elevate.
Gli interruttori differenziali, oltre a essere stati studiati specificatamente per la protezione dai contatti elettrici (sia diretti che indiretti) e dai conseguenti rischi di elettrocuzione, rappresentano anche un'efficace protezione dai rischi d'incendio. Questi però intervengono solo qualora il guasto coinvolga le masse e il conduttore di protezione PE.
Nel caso di guasto da arco elettrico non sempre magnetotermici e differenziali risultano efficaci. In particolare nel caso di arco serie, che coinvolge il singolo conduttore.
Il fenomeno arco elettrico richiede soluzioni specifiche che oggi la tecnologia è finalmente in grado di offrire. Per questo motivo Eaton ha introdotto un dispositivo di rilevamento dei guasti dovuti ad archi elettrici conforme alla normativa IEC 62606, in grado di intervenire e interrompere gli archi elettrici poco appariscenti ma estremamente pericolosi. Il suo nome tecnico è A.F.D.D. (Arc Fault Detection Device). Eaton è fra i primissimi produttori a livello mondiale in grado di offrirlo.
L'apparecchio Eaton è un dispositivo “all-in-one”, l'AFDD+ che ingloba in un unico apparecchio le tre funzioni di protezione necessarie alla salvaguardia di un'utenza terminale: protezione magnetotermica contro le sovracorrenti, differenziale contro i guasti a terra e protezione addizionale ai contatti diretti ed infine appunto la protezione AFDD dagli archi elettrici. Si tratta di una soluzione completa, conveniente, caratterizzata da affidabilità e facilità di installazione, che contribuisce ad aumentare la sicurezza in applicazioni critiche, tra cui camere da letto o spazi di permanenza in luoghi pubblici come asili nido o case di cura, oppure ambienti contenenti o costruiti con materiale ad alto rischio di incendio.
Per ulteriori informazioni sulla protezione antincendio e per scaricare gratuitamente il whitepaper completo, visitare il sito Web www.eaton.com/it/livesafe.

TORNA ALLA PAGINA PRINCIPALE


Eaton impegnata in una campagna per sensibilizzare sulla protezione da incendi causati da guasti di natura elettrica



Fumo, incendi e fiamme possono causare danni ingenti agli immobili residenziali e comportare rischi significativi in termini di lesioni o decessi.

Basti pensare che in Europa, circa 4.000 persone muoiono ogni anno a causa di incendi. Il bilancio è di circa 11 decessi al giorno. Dato che in media oltre il 25% di questi incidenti è causato dall'elettricità, Eaton – la cui mission è la gestione efficiente e sicura dell'energia – ha lanciato un'iniziativa per promuovere una migliore conoscenza in merito a questa problematica.
Nell'ambito di questa iniziativa, Eaton ha pubblicato un whitepaper in cui Alfred Mörx – esperto indipendente in materia di sicurezza elettrica in Europa – studia il fenomeno di incendi causati da guasti agli impianti elettrici e con un focus su quelli dovuti alla formazione di archi elettrici. L'autore approfondisce le misure di protezione in grado di ridurre i rischi connessi alla progettazione e alla realizzazione di un impianto, in particolare nel settore degli edifici e del residenziale. Inoltre, sottolinea che nelle corrispondenti norme tecniche internazionali IEC ed europee CENELEC sono state adottate opportune disposizioni riguardanti i sistemi e i dispositivi di protezione da guasti dovuti ad archi elettrici.
"Alcune di queste norme relative agli impianti sono già state o sono attualmente in fase di integrazione in alcuni codici di attuazione nazionali e sono state inoltre integrate con ulteriori requisiti nazionali", spiega Mörx. " In Germania, ad esempio, l'ultima edizione della norma VDE 0100-420 affronta proprio la tematica dell'uso di sistemi di protezione dei guasti causati da archi elettrici per le apparecchiature ad installazione fissa. A partire da febbraio 2016, i nuovi dispositivi di protezione dai guasti dovuti ad archi elettrici – AFDD – sono da prendere in considerazione nella progettazione di nuovi impianti in alcuni circuiti e in modifiche o ampliamenti ai sistemi elettrici esistenti".
In Italia il documento CENELEC HD 60364-4-42 è stato recepito nel Marzo 2017 dalla nuova variante V3 della norma impianti italiana CEI 64/8. Nella sezione 422 della CEI 64/8 v3 si prescrive, infatti, che debbano essere adottati provvedimenti contro il pericolo di “arco serie” e l'AFDD viene indicato come una delle misure adeguate a tale scopo. L'ambito di prescrizione è in particolare quello dei luoghi a maggior rischio in caso di incendio di cui alla sez. 751 o quelli soggetti a vincolo artistico/monumentale e/o destinati alla custodia di beni insostituibili. Si tratta quindi di un ambito di applicazione in realtà molto vasto nel mondo del Building e che comunque non preclude la possibilità di utilizzare gli AFDD in qualsiasi ambiente, comprese – come suggerisce la stessa EN 62606 – le strutture con posti letto o con difficoltà di evacuazione (quindi anche il residenziale o le strutture di ricezione alberghiera e ospedaliera).
Diversi sono gli aspetti connessi alla Protezione di persone e cose da tutti i potenziali guasti e rischi in un impianto elettrico. Gli interruttori magnetotermici sono il mezzo insostituibile per proteggere dalle sovracorrenti, siano essi sovraccarichi che cortocircuiti. Ma a volte la corrente di guasto risulta inferiore alle soglie di intervento: è questo il caso, ad esempio, di linee molto lunghe con impedenza di guasto molto elevate.
Gli interruttori differenziali, oltre a essere stati studiati specificatamente per la protezione dai contatti elettrici (sia diretti che indiretti) e dai conseguenti rischi di elettrocuzione, rappresentano anche un'efficace protezione dai rischi d'incendio. Questi però intervengono solo qualora il guasto coinvolga le masse e il conduttore di protezione PE.
Nel caso di guasto da arco elettrico non sempre magnetotermici e differenziali risultano efficaci. In particolare nel caso di arco serie, che coinvolge il singolo conduttore.
Il fenomeno arco elettrico richiede soluzioni specifiche che oggi la tecnologia è finalmente in grado di offrire. Per questo motivo Eaton ha introdotto un dispositivo di rilevamento dei guasti dovuti ad archi elettrici conforme alla normativa IEC 62606, in grado di intervenire e interrompere gli archi elettrici poco appariscenti ma estremamente pericolosi. Il suo nome tecnico è A.F.D.D. (Arc Fault Detection Device). Eaton è fra i primissimi produttori a livello mondiale in grado di offrirlo.
L'apparecchio Eaton è un dispositivo “all-in-one”, l'AFDD+ che ingloba in un unico apparecchio le tre funzioni di protezione necessarie alla salvaguardia di un'utenza terminale: protezione magnetotermica contro le sovracorrenti, differenziale contro i guasti a terra e protezione addizionale ai contatti diretti ed infine appunto la protezione AFDD dagli archi elettrici. Si tratta di una soluzione completa, conveniente, caratterizzata da affidabilità e facilità di installazione, che contribuisce ad aumentare la sicurezza in applicazioni critiche, tra cui camere da letto o spazi di permanenza in luoghi pubblici come asili nido o case di cura, oppure ambienti contenenti o costruiti con materiale ad alto rischio di incendio.
Per ulteriori informazioni sulla protezione antincendio e per scaricare gratuitamente il whitepaper completo, visitare il sito Web www.eaton.com/it/livesafe.

TORNA ALLA PAGINA PRINCIPALE


Eaton impegnata in una campagna per sensibilizzare sulla protezione da incendi causati da guasti di natura elettrica



Fumo, incendi e fiamme possono causare danni ingenti agli immobili residenziali e comportare rischi significativi in termini di lesioni o decessi.

Basti pensare che in Europa, circa 4.000 persone muoiono ogni anno a causa di incendi. Il bilancio è di circa 11 decessi al giorno. Dato che in media oltre il 25% di questi incidenti è causato dall'elettricità, Eaton – la cui mission è la gestione efficiente e sicura dell'energia – ha lanciato un'iniziativa per promuovere una migliore conoscenza in merito a questa problematica.
Nell'ambito di questa iniziativa, Eaton ha pubblicato un whitepaper in cui Alfred Mörx – esperto indipendente in materia di sicurezza elettrica in Europa – studia il fenomeno di incendi causati da guasti agli impianti elettrici e con un focus su quelli dovuti alla formazione di archi elettrici. L'autore approfondisce le misure di protezione in grado di ridurre i rischi connessi alla progettazione e alla realizzazione di un impianto, in particolare nel settore degli edifici e del residenziale. Inoltre, sottolinea che nelle corrispondenti norme tecniche internazionali IEC ed europee CENELEC sono state adottate opportune disposizioni riguardanti i sistemi e i dispositivi di protezione da guasti dovuti ad archi elettrici.
"Alcune di queste norme relative agli impianti sono già state o sono attualmente in fase di integrazione in alcuni codici di attuazione nazionali e sono state inoltre integrate con ulteriori requisiti nazionali", spiega Mörx. " In Germania, ad esempio, l'ultima edizione della norma VDE 0100-420 affronta proprio la tematica dell'uso di sistemi di protezione dei guasti causati da archi elettrici per le apparecchiature ad installazione fissa. A partire da febbraio 2016, i nuovi dispositivi di protezione dai guasti dovuti ad archi elettrici – AFDD – sono da prendere in considerazione nella progettazione di nuovi impianti in alcuni circuiti e in modifiche o ampliamenti ai sistemi elettrici esistenti".
In Italia il documento CENELEC HD 60364-4-42 è stato recepito nel Marzo 2017 dalla nuova variante V3 della norma impianti italiana CEI 64/8. Nella sezione 422 della CEI 64/8 v3 si prescrive, infatti, che debbano essere adottati provvedimenti contro il pericolo di “arco serie” e l'AFDD viene indicato come una delle misure adeguate a tale scopo. L'ambito di prescrizione è in particolare quello dei luoghi a maggior rischio in caso di incendio di cui alla sez. 751 o quelli soggetti a vincolo artistico/monumentale e/o destinati alla custodia di beni insostituibili. Si tratta quindi di un ambito di applicazione in realtà molto vasto nel mondo del Building e che comunque non preclude la possibilità di utilizzare gli AFDD in qualsiasi ambiente, comprese – come suggerisce la stessa EN 62606 – le strutture con posti letto o con difficoltà di evacuazione (quindi anche il residenziale o le strutture di ricezione alberghiera e ospedaliera).
Diversi sono gli aspetti connessi alla Protezione di persone e cose da tutti i potenziali guasti e rischi in un impianto elettrico. Gli interruttori magnetotermici sono il mezzo insostituibile per proteggere dalle sovracorrenti, siano essi sovraccarichi che cortocircuiti. Ma a volte la corrente di guasto risulta inferiore alle soglie di intervento: è questo il caso, ad esempio, di linee molto lunghe con impedenza di guasto molto elevate.
Gli interruttori differenziali, oltre a essere stati studiati specificatamente per la protezione dai contatti elettrici (sia diretti che indiretti) e dai conseguenti rischi di elettrocuzione, rappresentano anche un'efficace protezione dai rischi d'incendio. Questi però intervengono solo qualora il guasto coinvolga le masse e il conduttore di protezione PE.
Nel caso di guasto da arco elettrico non sempre magnetotermici e differenziali risultano efficaci. In particolare nel caso di arco serie, che coinvolge il singolo conduttore.
Il fenomeno arco elettrico richiede soluzioni specifiche che oggi la tecnologia è finalmente in grado di offrire. Per questo motivo Eaton ha introdotto un dispositivo di rilevamento dei guasti dovuti ad archi elettrici conforme alla normativa IEC 62606, in grado di intervenire e interrompere gli archi elettrici poco appariscenti ma estremamente pericolosi. Il suo nome tecnico è A.F.D.D. (Arc Fault Detection Device). Eaton è fra i primissimi produttori a livello mondiale in grado di offrirlo.
L'apparecchio Eaton è un dispositivo “all-in-one”, l'AFDD+ che ingloba in un unico apparecchio le tre funzioni di protezione necessarie alla salvaguardia di un'utenza terminale: protezione magnetotermica contro le sovracorrenti, differenziale contro i guasti a terra e protezione addizionale ai contatti diretti ed infine appunto la protezione AFDD dagli archi elettrici. Si tratta di una soluzione completa, conveniente, caratterizzata da affidabilità e facilità di installazione, che contribuisce ad aumentare la sicurezza in applicazioni critiche, tra cui camere da letto o spazi di permanenza in luoghi pubblici come asili nido o case di cura, oppure ambienti contenenti o costruiti con materiale ad alto rischio di incendio.
Per ulteriori informazioni sulla protezione antincendio e per scaricare gratuitamente il whitepaper completo, visitare il sito Web www.eaton.com/it/livesafe.

TORNA ALLA PAGINA PRINCIPALE


 SEI NELLA PAGINA 159   Link pagine: 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21 - 22 - 23 - 24 - 25 - 26 - 27 - 28 - 29 - 30 - 31 - 32 - 33 - 34 - 35 - 36 - 37 - 38 - 39 - 40 - 41 - 42 - 43 - 44 - 45 - 46 - 47 - 48 - 49 - 50 - 51 - 52 - 53 - 54 - 55 - 56 - 57 - 58 - 59 - 60 - 61 - 62 - 63 - 64 - 65 - 66 - 67 - 68 - 69 - 70 - 71 - 72 - 73 - 74 - 75 - 76 - 77 - 78 - 79 - 80 - 81 - 82 - 83 - 84 - 85 - 86 - 87 - 88 - 89 - 90 - 91 - 92 - 93 - 94 - 95 - 96 - 97 - 98 - 99 - 100 - 101 - 102 - 103 - 104 - 105 - 106 - 107 - 108 - 109 - 110 - 111 - 112 - 113 - 114 - 115 - 116 - 117 - 118 - 119 - 120 - 121 - 122 - 123 - 124 - 125 - 126 - 127 - 128 - 129 - 130 - 131 - 132 - 133 - 134 - 135 - 136 - 137 - 138 - 139 - 140 - 141 - 142 - 143 - 144 - 145 - 146 - 147 - 148 - 149 - 150 - 151 - 152 - 153 - 154 - 155 - 156 - 157 - 158 - 159 - 160 - 161 - 162 - 163 - 164 - 165 - 166 - 167 - 168 - 169 - 170 - 171 - 172 - 173 - 174 - 175 - 176 - 177 - 178 - 179 - 180 - 181 - 182 - 183 - 184 - 185 - 186 - 187 - 188 - 189 - 190 - 191 - 192 - 193 - 194 - 195 - 196 - 197 - 198 - 199 - 200 - 201 - 202 - 203 - 204 - 205 - 206 - 207 - 208 - 209 - 210 - 211 - 212 - 213 - 214 - 215 - 216 - 217 - 218 - 219 - 220 - 221 - 222 - 223 - 224 - 225 - 226 - 227 - 228 - 229 - 230 - 231 - 232 - 233 - 234 - 235 - 236 - 237 - 238 - 239 - 240 - 241 - 242 - 243 - 244 - 245 - 246 - 247 - 248 - 249 - 250 - 251 - 252 - 253 - 254 - 255 - 256 - 257 - 258 - 259 - 260 - 261 - 262 - 263 - 264 - 265 - 266 - 267 - 268 - 269 - 270 - 271 - 272 - 273 - 274 - 275 - 276 - 277 - 278 - 279 - 280 - 281 - 282 - 283 - 284 - 285 - 286 - 287 - 288 - 289 - 290 - 291 - 292 - 293 - 294 - 295 - 296 - 297 - 298 - 299 - 300 - 301 - 302 - 303 - 304 - 305 - 306 - 307 - 308 - 309 - 310 - 311 - 312 - 313 - 314 - 315 - 316 - 317 - 318 - 319 - 320 - 321 - 322 - 323 - 324 - 325 - 326 -



Mail: press@tecnologopercaso.com

Privacy &
Cookies



Powered by MMS - © 2016 EUROTEAM