to all hi-tech lovers



Ricerca Arbor - Come difendersi dai DDoS: rilevazione, automazione e risposta. Dati Attacchi: In Italia 9.000 solo a novembre



L'infrastruttura ATLAS di Arbor Networks raccoglie dati sul traffico anonimo da 400 service provider su scala globale, offrendoci

la possibilità di osservare circa un terzo dell'intero traffico Internet. Tra i dati più significativi relativi all'ultimo mee:
•Sono stati registrati 9.000 attacchi informatici in Italia a novembre, con una media di circa 300 attacchi al giorno. Nel mondo, gli attacchi registrati a novembre sono stati – invece – 710.000, con una media di 23.666 al giorno.
•Il più grande attacco, registrato in Italia, a fine mese, è stato di 35.6 Gbps. Nel mondo, invece, la dimensione massima registrata nel corso di novembre è stata di ben 616 Gbps.
L'incremento dell'attività DDoS è riconducibile alla comparsa dei servizi di noleggio che permettono di lanciare attacchi DDoS a costi esigui. Ma a fronte di queste informazioni quali sono i principi chiave della protezione contro gli attacchi DDoS? Arbor Networks offre il proprio punto di vista nel contenuto in allegato distinguendo tra tre linee di difesa principali:
·Rilevazione: la velocità di individuazione degli attacchi DDoS è la prima e più importante abilità necessaria per avviare un rapido programma di mitigazione. La scelta della soluzione da utilizzare su questo fronte incide sensibilmente sul profilo di rischio.
·Automazione: l'automazione è ormai divenuta il Sacro Graal della sicurezza perché riduce il personale necessario e incide sensibilmente sulla velocità di risposta. Una buona soluzione IDMS (Intelligent DDoS Mitigation Solution) riesce infatti a rilevare gli attacchi e avviare l'azione di mitigazione in modo automatico, spesso prima che gli operatori di sicurezza si accorgano dell'attacco.
·Risposta: il primo passo per una gestione efficace degli attacchi DDoS è certamente l'implementazione di valide soluzioni tecnologiche. Tuttavia, anche nelle organizzazioni che si avvalgono di molteplici meccanismi di difesa DDoS automatici, dalle contromisure preinstallate alla connessione con mitigazione basata su cloud, il fattore umano ha ancora un ruolo determinante nella risposta e nella difesa globale. I team di sicurezza devono essere preparati a riconoscere e contrastare le minacce senza alcuna esitazione.

TORNA ALLA PAGINA PRINCIPALE


Ricerca Arbor - Come difendersi dai DDoS: rilevazione, automazione e risposta. Dati Attacchi: In Italia 9.000 solo a novembre



L'infrastruttura ATLAS di Arbor Networks raccoglie dati sul traffico anonimo da 400 service provider su scala globale, offrendoci

la possibilità di osservare circa un terzo dell'intero traffico Internet. Tra i dati più significativi relativi all'ultimo mee:
•Sono stati registrati 9.000 attacchi informatici in Italia a novembre, con una media di circa 300 attacchi al giorno. Nel mondo, gli attacchi registrati a novembre sono stati – invece – 710.000, con una media di 23.666 al giorno.
•Il più grande attacco, registrato in Italia, a fine mese, è stato di 35.6 Gbps. Nel mondo, invece, la dimensione massima registrata nel corso di novembre è stata di ben 616 Gbps.
L'incremento dell'attività DDoS è riconducibile alla comparsa dei servizi di noleggio che permettono di lanciare attacchi DDoS a costi esigui. Ma a fronte di queste informazioni quali sono i principi chiave della protezione contro gli attacchi DDoS? Arbor Networks offre il proprio punto di vista nel contenuto in allegato distinguendo tra tre linee di difesa principali:
·Rilevazione: la velocità di individuazione degli attacchi DDoS è la prima e più importante abilità necessaria per avviare un rapido programma di mitigazione. La scelta della soluzione da utilizzare su questo fronte incide sensibilmente sul profilo di rischio.
·Automazione: l'automazione è ormai divenuta il Sacro Graal della sicurezza perché riduce il personale necessario e incide sensibilmente sulla velocità di risposta. Una buona soluzione IDMS (Intelligent DDoS Mitigation Solution) riesce infatti a rilevare gli attacchi e avviare l'azione di mitigazione in modo automatico, spesso prima che gli operatori di sicurezza si accorgano dell'attacco.
·Risposta: il primo passo per una gestione efficace degli attacchi DDoS è certamente l'implementazione di valide soluzioni tecnologiche. Tuttavia, anche nelle organizzazioni che si avvalgono di molteplici meccanismi di difesa DDoS automatici, dalle contromisure preinstallate alla connessione con mitigazione basata su cloud, il fattore umano ha ancora un ruolo determinante nella risposta e nella difesa globale. I team di sicurezza devono essere preparati a riconoscere e contrastare le minacce senza alcuna esitazione.

TORNA ALLA PAGINA PRINCIPALE


Ricerca Arbor - Come difendersi dai DDoS: rilevazione, automazione e risposta. Dati Attacchi: In Italia 9.000 solo a novembre



L'infrastruttura ATLAS di Arbor Networks raccoglie dati sul traffico anonimo da 400 service provider su scala globale, offrendoci

la possibilità di osservare circa un terzo dell'intero traffico Internet. Tra i dati più significativi relativi all'ultimo mee:
•Sono stati registrati 9.000 attacchi informatici in Italia a novembre, con una media di circa 300 attacchi al giorno. Nel mondo, gli attacchi registrati a novembre sono stati – invece – 710.000, con una media di 23.666 al giorno.
•Il più grande attacco, registrato in Italia, a fine mese, è stato di 35.6 Gbps. Nel mondo, invece, la dimensione massima registrata nel corso di novembre è stata di ben 616 Gbps.
L'incremento dell'attività DDoS è riconducibile alla comparsa dei servizi di noleggio che permettono di lanciare attacchi DDoS a costi esigui. Ma a fronte di queste informazioni quali sono i principi chiave della protezione contro gli attacchi DDoS? Arbor Networks offre il proprio punto di vista nel contenuto in allegato distinguendo tra tre linee di difesa principali:
·Rilevazione: la velocità di individuazione degli attacchi DDoS è la prima e più importante abilità necessaria per avviare un rapido programma di mitigazione. La scelta della soluzione da utilizzare su questo fronte incide sensibilmente sul profilo di rischio.
·Automazione: l'automazione è ormai divenuta il Sacro Graal della sicurezza perché riduce il personale necessario e incide sensibilmente sulla velocità di risposta. Una buona soluzione IDMS (Intelligent DDoS Mitigation Solution) riesce infatti a rilevare gli attacchi e avviare l'azione di mitigazione in modo automatico, spesso prima che gli operatori di sicurezza si accorgano dell'attacco.
·Risposta: il primo passo per una gestione efficace degli attacchi DDoS è certamente l'implementazione di valide soluzioni tecnologiche. Tuttavia, anche nelle organizzazioni che si avvalgono di molteplici meccanismi di difesa DDoS automatici, dalle contromisure preinstallate alla connessione con mitigazione basata su cloud, il fattore umano ha ancora un ruolo determinante nella risposta e nella difesa globale. I team di sicurezza devono essere preparati a riconoscere e contrastare le minacce senza alcuna esitazione.

TORNA ALLA PAGINA PRINCIPALE


 SEI NELLA PAGINA 131   Link pagine: 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21 - 22 - 23 - 24 - 25 - 26 - 27 - 28 - 29 - 30 - 31 - 32 - 33 - 34 - 35 - 36 - 37 - 38 - 39 - 40 - 41 - 42 - 43 - 44 - 45 - 46 - 47 - 48 - 49 - 50 - 51 - 52 - 53 - 54 - 55 - 56 - 57 - 58 - 59 - 60 - 61 - 62 - 63 - 64 - 65 - 66 - 67 - 68 - 69 - 70 - 71 - 72 - 73 - 74 - 75 - 76 - 77 - 78 - 79 - 80 - 81 - 82 - 83 - 84 - 85 - 86 - 87 - 88 - 89 - 90 - 91 - 92 - 93 - 94 - 95 - 96 - 97 - 98 - 99 - 100 - 101 - 102 - 103 - 104 - 105 - 106 - 107 - 108 - 109 - 110 - 111 - 112 - 113 - 114 - 115 - 116 - 117 - 118 - 119 - 120 - 121 - 122 - 123 - 124 - 125 - 126 - 127 - 128 - 129 - 130 - 131 - 132 - 133 - 134 - 135 - 136 - 137 - 138 - 139 - 140 - 141 - 142 - 143 - 144 - 145 - 146 - 147 - 148 - 149 - 150 - 151 - 152 - 153 - 154 - 155 - 156 - 157 - 158 - 159 - 160 - 161 - 162 - 163 - 164 - 165 - 166 - 167 - 168 - 169 - 170 - 171 - 172 - 173 - 174 - 175 - 176 - 177 - 178 - 179 - 180 - 181 - 182 - 183 - 184 - 185 - 186 - 187 - 188 - 189 - 190 - 191 - 192 - 193 - 194 - 195 - 196 - 197 - 198 - 199 - 200 - 201 - 202 - 203 - 204 - 205 - 206 - 207 - 208 - 209 - 210 - 211 - 212 - 213 - 214 - 215 - 216 - 217 - 218 - 219 - 220 - 221 - 222 - 223 - 224 - 225 - 226 - 227 - 228 - 229 - 230 - 231 - 232 - 233 - 234 - 235 - 236 - 237 - 238 - 239 - 240 - 241 - 242 - 243 - 244 - 245 - 246 - 247 - 248 - 249 - 250 - 251 - 252 - 253 - 254 - 255 - 256 - 257 - 258 - 259 - 260 - 261 - 262 - 263 - 264 - 265 - 266 - 267 - 268 - 269 - 270 - 271 - 272 - 273 - 274 - 275 - 276 - 277 - 278 - 279 - 280 - 281 - 282 - 283 - 284 - 285 - 286 - 287 - 288 - 289 - 290 - 291 - 292 - 293 - 294 - 295 - 296 - 297 - 298 - 299 - 300 - 301 - 302 - 303 - 304 - 305 - 306 - 307 - 308 - 309 - 310 - 311 - 312 - 313 - 314 - 315 - 316 - 317 - 318 - 319 - 320 - 321 - 322 - 323 - 324 - 325 - 326 - 327 - 328 - 329 - 330 - 331 - 332 - 333 - 334 - 335 - 336 - 337 - 338 - 339 - 340 - 341 - 342 - 343 - 344 - 345 -



Mail: press@tecnologopercaso.com

Privacy &
Cookies



Powered by MMS - © 2016 EUROTEAM