to all hi-tech lovers



BSA presenta i risultati del Global Cloud Computing Scorecard 2018



BSA | The Software Alliance ha presentato i risultati del Global Cloud Computing Scorecard 2018, uno dei più importanti studi

volto a valutare le politiche in ambito cloud a livello mondiale. L'Italia si situa al nono posto fra le 24 nazioni principali a livello economico, con un leggero decremento rispetto alla classifica del 2016, che vedeva il nostro Paese all'ottavo posto. Questo risultato conferma comunque che in Italia l'ambiente legale e regolamentare continua ad incoraggiare lo sviluppo dell'innovazione nel campo del cloud.
Qui di seguito l'analisi dei risultati italiani.
Il quadro legislativo italiano sulla protezione dei dati è esauriente, ma prevede alcuni requisiti di registrazione che risultano onerosi e non necessari, insieme ad alcune limitazioni al flusso dei dati, come in altri paesi dell'Unione Europea.
L'Italia garantisce un adeguato livello di protezione della proprietà intellettuale per i servizi di cloud computing, inclusa la tutela “safe harbor” relativa alla responsabilità per la violazione di terze parti.
L'Italia ha una solida legislazione sul cybercrime e ha sviluppato un'adeguata e concreta strategia di sicurezza informatica, in collaborazione con l'Agenda Digitale Italiana – l'iniziativa guidata dal Governo per investire nel digitale e guidarne lo sviluppo.
Inoltre il nostro Paese si è dotato di una moderna legislazione sulla firma elettronica e l'ecommerce, impegnandosi a rispettare gli standard internazionali e l'interoperabilità.
Complessivamente l'Italia si posiziona al nono posto della classifica, in leggera discesa rispetto all'ottava posizione del 2016. Questo risultato è legato alla migliore performance di altri paesi - in particolare in termini di infrastruttura IT e sviluppo della banda larga - e al ribilanciamento della metodologia Scorecard.
Il 2018 BSA Global Cloud Computing Scorecard – la nuova edizione dell'unico studio globale che valuta il livello di preparazione dei paesi nell'adozione e crescita dei servizi di cloud computing - utilizza una metodologia aggiornata che meglio riflette le politiche che hanno aiutato la crescita esponenziale del cloud computing negli ultimi cinque anni, ponendo maggiormente l'attenzione sulla privacy, la sicurezza informatica e le infrastrutture a banda larga dei paesi.
Nel 2018, la maggior parte dei paesi continua a migliorare, ma alcuni mercati sono in ritardo. La Germania ha ottenuto il punteggio più alto nello Scorecard, grazie alle sue politiche nazionali sulla sicurezza informatica e alla promozione del libero scambio, seguita da vicino dal Giappone e dagli Stati Uniti. Chiudono invece la classifica Russia, Cina, Indonesia e Vietnam, che non sono riusciti ad allinearsi all'approccio internazionale.
Tra i key findings dello studio:
· Politiche avanzate in materia di privacy e sicurezza sono gli elementi di distinzione dei principali paesi in classifica rispetto ai mercati in ritardo. I paesi continuano ad aggiornare e perfezionare i loro sistemi di data protection, il più delle volte con modalità che consentono flussi di dati attraverso i confini nazionali. Diversi paesi, tuttavia, non hanno ancora adottato adeguate leggi in materia di privacy
· I mercati emergenti continuano a essere in ritardo nell'adozione di politiche favorevoli al cloud, ostacolandone la crescita. Gli esempi includono normative che impongono barriere significative per i fornitori di servizi cloud, requisiti di localizzazione dei dati e una scarsa tutela in termini di cybersecurity
· Le deviazioni dagli standard ampiamente adottati e dagli accordi internazionali frenano i mercati chiave. Standard, certificazioni e test riconosciuti a livello internazionale aiutano a migliorare l'ambiente di sicurezza per il cloud computing, ma non tutti i paesi riconoscono tali best practice come conformi agli standard locali
· Quei pochi paesi che hanno adottato politiche di localizzazione pagano un prezzo alto. I requisiti di localizzazione dei dati agiscono da barriera al cloud computing, causando impatti finanziari negativi per i mercati locali.
· Un'accresciuta attenzione sullo stato dell'arte dell'infrastruttura IT e della banda larga porta a risultati interessanti. La capacità di paesi e aziende di far leva sul cloud computing per la crescita richiede l'accesso a una rete potente. Mentre quasi tutti i paesi continuano a lavorare per migliorare l'accesso alla banda larga, il successo di tali sforzi rimane ancora poco consistente.
Esaminando il quadro giuridico e normativo dei 24 paesi, lo Scorecard mira a fornire una piattaforma di discussione tra i policymaker e i fornitori di servizi cloud. Questo dialogo può aiutare a sviluppare un sistema di leggi e regolamenti allineato a livello internazionale, che faciliti il ​​cloud computing.
“Il Global Cloud Computing Scorecard è uno strumento che può aiutare i paesi a valutare in modo costruttivo le proprie politiche e quindi definire le azioni successive per incrementare l'adozione del cloud computing”, commenta Victoria Espinel, Presidente e CEO BSA. “Il cloud computing consente a chiunque di accedere a tecnologie in precedenza disponibili solo per le grandi organizzazioni, aprendo la strada a una maggiore connettività e innovazione. I paesi che adottano il libero flusso di dati, implementano soluzioni di cybersecurity all'avanguardia, proteggono la proprietà intellettuale e definiscono un'infrastruttura IT che continuerà a raccogliere tutti i benefici del cloud computing per le aziende e per i cittadini. "
La Classifica completa delle 24 nazioni analizzate - con il dettaglio di tutti i risultati - è disponibile all'indirizzo www.bsa.org/cloudscorecard

TORNA ALLA PAGINA PRINCIPALE


BSA presenta i risultati del Global Cloud Computing Scorecard 2018



BSA | The Software Alliance ha presentato i risultati del Global Cloud Computing Scorecard 2018, uno dei più importanti studi

volto a valutare le politiche in ambito cloud a livello mondiale. L'Italia si situa al nono posto fra le 24 nazioni principali a livello economico, con un leggero decremento rispetto alla classifica del 2016, che vedeva il nostro Paese all'ottavo posto. Questo risultato conferma comunque che in Italia l'ambiente legale e regolamentare continua ad incoraggiare lo sviluppo dell'innovazione nel campo del cloud.
Qui di seguito l'analisi dei risultati italiani.
Il quadro legislativo italiano sulla protezione dei dati è esauriente, ma prevede alcuni requisiti di registrazione che risultano onerosi e non necessari, insieme ad alcune limitazioni al flusso dei dati, come in altri paesi dell'Unione Europea.
L'Italia garantisce un adeguato livello di protezione della proprietà intellettuale per i servizi di cloud computing, inclusa la tutela “safe harbor” relativa alla responsabilità per la violazione di terze parti.
L'Italia ha una solida legislazione sul cybercrime e ha sviluppato un'adeguata e concreta strategia di sicurezza informatica, in collaborazione con l'Agenda Digitale Italiana – l'iniziativa guidata dal Governo per investire nel digitale e guidarne lo sviluppo.
Inoltre il nostro Paese si è dotato di una moderna legislazione sulla firma elettronica e l'ecommerce, impegnandosi a rispettare gli standard internazionali e l'interoperabilità.
Complessivamente l'Italia si posiziona al nono posto della classifica, in leggera discesa rispetto all'ottava posizione del 2016. Questo risultato è legato alla migliore performance di altri paesi - in particolare in termini di infrastruttura IT e sviluppo della banda larga - e al ribilanciamento della metodologia Scorecard.
Il 2018 BSA Global Cloud Computing Scorecard – la nuova edizione dell'unico studio globale che valuta il livello di preparazione dei paesi nell'adozione e crescita dei servizi di cloud computing - utilizza una metodologia aggiornata che meglio riflette le politiche che hanno aiutato la crescita esponenziale del cloud computing negli ultimi cinque anni, ponendo maggiormente l'attenzione sulla privacy, la sicurezza informatica e le infrastrutture a banda larga dei paesi.
Nel 2018, la maggior parte dei paesi continua a migliorare, ma alcuni mercati sono in ritardo. La Germania ha ottenuto il punteggio più alto nello Scorecard, grazie alle sue politiche nazionali sulla sicurezza informatica e alla promozione del libero scambio, seguita da vicino dal Giappone e dagli Stati Uniti. Chiudono invece la classifica Russia, Cina, Indonesia e Vietnam, che non sono riusciti ad allinearsi all'approccio internazionale.
Tra i key findings dello studio:
· Politiche avanzate in materia di privacy e sicurezza sono gli elementi di distinzione dei principali paesi in classifica rispetto ai mercati in ritardo. I paesi continuano ad aggiornare e perfezionare i loro sistemi di data protection, il più delle volte con modalità che consentono flussi di dati attraverso i confini nazionali. Diversi paesi, tuttavia, non hanno ancora adottato adeguate leggi in materia di privacy
· I mercati emergenti continuano a essere in ritardo nell'adozione di politiche favorevoli al cloud, ostacolandone la crescita. Gli esempi includono normative che impongono barriere significative per i fornitori di servizi cloud, requisiti di localizzazione dei dati e una scarsa tutela in termini di cybersecurity
· Le deviazioni dagli standard ampiamente adottati e dagli accordi internazionali frenano i mercati chiave. Standard, certificazioni e test riconosciuti a livello internazionale aiutano a migliorare l'ambiente di sicurezza per il cloud computing, ma non tutti i paesi riconoscono tali best practice come conformi agli standard locali
· Quei pochi paesi che hanno adottato politiche di localizzazione pagano un prezzo alto. I requisiti di localizzazione dei dati agiscono da barriera al cloud computing, causando impatti finanziari negativi per i mercati locali.
· Un'accresciuta attenzione sullo stato dell'arte dell'infrastruttura IT e della banda larga porta a risultati interessanti. La capacità di paesi e aziende di far leva sul cloud computing per la crescita richiede l'accesso a una rete potente. Mentre quasi tutti i paesi continuano a lavorare per migliorare l'accesso alla banda larga, il successo di tali sforzi rimane ancora poco consistente.
Esaminando il quadro giuridico e normativo dei 24 paesi, lo Scorecard mira a fornire una piattaforma di discussione tra i policymaker e i fornitori di servizi cloud. Questo dialogo può aiutare a sviluppare un sistema di leggi e regolamenti allineato a livello internazionale, che faciliti il ​​cloud computing.
“Il Global Cloud Computing Scorecard è uno strumento che può aiutare i paesi a valutare in modo costruttivo le proprie politiche e quindi definire le azioni successive per incrementare l'adozione del cloud computing”, commenta Victoria Espinel, Presidente e CEO BSA. “Il cloud computing consente a chiunque di accedere a tecnologie in precedenza disponibili solo per le grandi organizzazioni, aprendo la strada a una maggiore connettività e innovazione. I paesi che adottano il libero flusso di dati, implementano soluzioni di cybersecurity all'avanguardia, proteggono la proprietà intellettuale e definiscono un'infrastruttura IT che continuerà a raccogliere tutti i benefici del cloud computing per le aziende e per i cittadini. "
La Classifica completa delle 24 nazioni analizzate - con il dettaglio di tutti i risultati - è disponibile all'indirizzo www.bsa.org/cloudscorecard

TORNA ALLA PAGINA PRINCIPALE


BSA presenta i risultati del Global Cloud Computing Scorecard 2018



BSA | The Software Alliance ha presentato i risultati del Global Cloud Computing Scorecard 2018, uno dei più importanti studi

volto a valutare le politiche in ambito cloud a livello mondiale. L'Italia si situa al nono posto fra le 24 nazioni principali a livello economico, con un leggero decremento rispetto alla classifica del 2016, che vedeva il nostro Paese all'ottavo posto. Questo risultato conferma comunque che in Italia l'ambiente legale e regolamentare continua ad incoraggiare lo sviluppo dell'innovazione nel campo del cloud.
Qui di seguito l'analisi dei risultati italiani.
Il quadro legislativo italiano sulla protezione dei dati è esauriente, ma prevede alcuni requisiti di registrazione che risultano onerosi e non necessari, insieme ad alcune limitazioni al flusso dei dati, come in altri paesi dell'Unione Europea.
L'Italia garantisce un adeguato livello di protezione della proprietà intellettuale per i servizi di cloud computing, inclusa la tutela “safe harbor” relativa alla responsabilità per la violazione di terze parti.
L'Italia ha una solida legislazione sul cybercrime e ha sviluppato un'adeguata e concreta strategia di sicurezza informatica, in collaborazione con l'Agenda Digitale Italiana – l'iniziativa guidata dal Governo per investire nel digitale e guidarne lo sviluppo.
Inoltre il nostro Paese si è dotato di una moderna legislazione sulla firma elettronica e l'ecommerce, impegnandosi a rispettare gli standard internazionali e l'interoperabilità.
Complessivamente l'Italia si posiziona al nono posto della classifica, in leggera discesa rispetto all'ottava posizione del 2016. Questo risultato è legato alla migliore performance di altri paesi - in particolare in termini di infrastruttura IT e sviluppo della banda larga - e al ribilanciamento della metodologia Scorecard.
Il 2018 BSA Global Cloud Computing Scorecard – la nuova edizione dell'unico studio globale che valuta il livello di preparazione dei paesi nell'adozione e crescita dei servizi di cloud computing - utilizza una metodologia aggiornata che meglio riflette le politiche che hanno aiutato la crescita esponenziale del cloud computing negli ultimi cinque anni, ponendo maggiormente l'attenzione sulla privacy, la sicurezza informatica e le infrastrutture a banda larga dei paesi.
Nel 2018, la maggior parte dei paesi continua a migliorare, ma alcuni mercati sono in ritardo. La Germania ha ottenuto il punteggio più alto nello Scorecard, grazie alle sue politiche nazionali sulla sicurezza informatica e alla promozione del libero scambio, seguita da vicino dal Giappone e dagli Stati Uniti. Chiudono invece la classifica Russia, Cina, Indonesia e Vietnam, che non sono riusciti ad allinearsi all'approccio internazionale.
Tra i key findings dello studio:
· Politiche avanzate in materia di privacy e sicurezza sono gli elementi di distinzione dei principali paesi in classifica rispetto ai mercati in ritardo. I paesi continuano ad aggiornare e perfezionare i loro sistemi di data protection, il più delle volte con modalità che consentono flussi di dati attraverso i confini nazionali. Diversi paesi, tuttavia, non hanno ancora adottato adeguate leggi in materia di privacy
· I mercati emergenti continuano a essere in ritardo nell'adozione di politiche favorevoli al cloud, ostacolandone la crescita. Gli esempi includono normative che impongono barriere significative per i fornitori di servizi cloud, requisiti di localizzazione dei dati e una scarsa tutela in termini di cybersecurity
· Le deviazioni dagli standard ampiamente adottati e dagli accordi internazionali frenano i mercati chiave. Standard, certificazioni e test riconosciuti a livello internazionale aiutano a migliorare l'ambiente di sicurezza per il cloud computing, ma non tutti i paesi riconoscono tali best practice come conformi agli standard locali
· Quei pochi paesi che hanno adottato politiche di localizzazione pagano un prezzo alto. I requisiti di localizzazione dei dati agiscono da barriera al cloud computing, causando impatti finanziari negativi per i mercati locali.
· Un'accresciuta attenzione sullo stato dell'arte dell'infrastruttura IT e della banda larga porta a risultati interessanti. La capacità di paesi e aziende di far leva sul cloud computing per la crescita richiede l'accesso a una rete potente. Mentre quasi tutti i paesi continuano a lavorare per migliorare l'accesso alla banda larga, il successo di tali sforzi rimane ancora poco consistente.
Esaminando il quadro giuridico e normativo dei 24 paesi, lo Scorecard mira a fornire una piattaforma di discussione tra i policymaker e i fornitori di servizi cloud. Questo dialogo può aiutare a sviluppare un sistema di leggi e regolamenti allineato a livello internazionale, che faciliti il ​​cloud computing.
“Il Global Cloud Computing Scorecard è uno strumento che può aiutare i paesi a valutare in modo costruttivo le proprie politiche e quindi definire le azioni successive per incrementare l'adozione del cloud computing”, commenta Victoria Espinel, Presidente e CEO BSA. “Il cloud computing consente a chiunque di accedere a tecnologie in precedenza disponibili solo per le grandi organizzazioni, aprendo la strada a una maggiore connettività e innovazione. I paesi che adottano il libero flusso di dati, implementano soluzioni di cybersecurity all'avanguardia, proteggono la proprietà intellettuale e definiscono un'infrastruttura IT che continuerà a raccogliere tutti i benefici del cloud computing per le aziende e per i cittadini. "
La Classifica completa delle 24 nazioni analizzate - con il dettaglio di tutti i risultati - è disponibile all'indirizzo www.bsa.org/cloudscorecard

TORNA ALLA PAGINA PRINCIPALE


 SEI NELLA PAGINA 140   Link pagine: 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21 - 22 - 23 - 24 - 25 - 26 - 27 - 28 - 29 - 30 - 31 - 32 - 33 - 34 - 35 - 36 - 37 - 38 - 39 - 40 - 41 - 42 - 43 - 44 - 45 - 46 - 47 - 48 - 49 - 50 - 51 - 52 - 53 - 54 - 55 - 56 - 57 - 58 - 59 - 60 - 61 - 62 - 63 - 64 - 65 - 66 - 67 - 68 - 69 - 70 - 71 - 72 - 73 - 74 - 75 - 76 - 77 - 78 - 79 - 80 - 81 - 82 - 83 - 84 - 85 - 86 - 87 - 88 - 89 - 90 - 91 - 92 - 93 - 94 - 95 - 96 - 97 - 98 - 99 - 100 - 101 - 102 - 103 - 104 - 105 - 106 - 107 - 108 - 109 - 110 - 111 - 112 - 113 - 114 - 115 - 116 - 117 - 118 - 119 - 120 - 121 - 122 - 123 - 124 - 125 - 126 - 127 - 128 - 129 - 130 - 131 - 132 - 133 - 134 - 135 - 136 - 137 - 138 - 139 - 140 - 141 - 142 - 143 - 144 - 145 - 146 - 147 - 148 - 149 - 150 - 151 - 152 - 153 - 154 - 155 - 156 - 157 - 158 - 159 - 160 - 161 - 162 - 163 - 164 - 165 - 166 - 167 - 168 - 169 - 170 - 171 - 172 - 173 - 174 - 175 - 176 - 177 - 178 - 179 - 180 - 181 - 182 - 183 - 184 - 185 - 186 - 187 - 188 - 189 - 190 - 191 - 192 - 193 - 194 - 195 - 196 - 197 - 198 - 199 - 200 - 201 - 202 - 203 - 204 - 205 - 206 - 207 - 208 - 209 - 210 - 211 - 212 - 213 - 214 - 215 - 216 - 217 - 218 - 219 - 220 - 221 - 222 - 223 - 224 - 225 - 226 - 227 - 228 - 229 - 230 - 231 - 232 - 233 - 234 - 235 - 236 - 237 - 238 - 239 - 240 - 241 - 242 - 243 - 244 - 245 - 246 - 247 - 248 - 249 - 250 - 251 - 252 - 253 - 254 - 255 - 256 - 257 - 258 - 259 - 260 - 261 - 262 - 263 - 264 - 265 - 266 - 267 - 268 - 269 - 270 - 271 - 272 - 273 - 274 - 275 - 276 - 277 - 278 - 279 - 280 - 281 - 282 - 283 - 284 - 285 - 286 - 287 - 288 - 289 - 290 - 291 - 292 - 293 - 294 - 295 - 296 - 297 - 298 - 299 - 300 - 301 - 302 - 303 - 304 - 305 - 306 - 307 - 308 - 309 - 310 - 311 - 312 - 313 - 314 - 315 - 316 - 317 - 318 - 319 - 320 - 321 - 322 - 323 - 324 - 325 -



Mail: press@tecnologopercaso.com

Privacy &
Cookies



Powered by MMS - © 2016 EUROTEAM