to all hi-tech lovers



Kaspersky Lab: Proteggere i più piccoli dalle minacce online



La dipendenza dalle interazioni su internet delle nuove generazioni sta portando un terzo (33%) dei genitori a preoccuparsi della

loro dipendenza dal web. Kaspersky Lab e B2B International hanno rilevato che secondo i genitori un ragazzo su dieci (12%), di età inferiore ai 18 anni, è dipendente da Internet. Insieme alla preoccupazione che i figli visualizzino contenuti inappropriati o espliciti (36%) o che comunichino con degli estranei (32%), i genitori temono che i bambini siano incapaci di prendere le distanze dal mondo online.
Oltre la metà dei genitori (51%) ritiene che le minacce online stiano aumentando e queste preoccupazioni hanno spinto il 33% dei genitori a imporre restrizioni sul tempo che i figli possono trascorrere su Internet.
Il problema, però, è che non basta limitare il tempo trascorso online per mettere i bambini al sicuro dai pericoli. In un periodo di 12 mesi, il 44% dei ragazzi ha dovuto affrontare almeno una minaccia online, con un bambino su dieci che accedeva a contenuti inappropriati (12%) o entrava in contatto con software e virus pericolosi (10%).
Pertanto un'alternativa per i genitori impegnati in questa lotta potrebbe essere quella di cercare di risolvere le preoccupazioni a monte, ad esempio, con l'educazione. Oltre un terzo (37%) dei genitori parla regolarmente con i propri figli per insegnare cosa siano le minacce online, mentre il 31% cerca di controllare i propri figli quando sono online, avvertendoli in caso di minacce che potrebbero manifestarsi.
"Per tenere i figli al sicuro non basta che i genitori limitino semplicemente l'accesso al mondo online, serve piuttosto una combinazione di fattori. L'istruzione e la comunicazione giocano un ruolo fondamentale nella possibilità di assicurare ai bambini un utilizzo responsabile e sicuro di Internet. È inoltre fondamentale utilizzare software per rafforzare le difese e in questo la tecnologia può aiutare a ridurre i rischi, consentendo ai bambini di esplorare in sicurezza tutti gli aspetti positivi di Internet e di sviluppare le loro competenze digitali senza doversi preoccupare delle minacce informatiche", commenta Morten Lehn, General Manager Italy di Kaspersky Lab.
Kaspersky Safe Kids è progettato per aiutare i genitori ad adottare un approccio più efficace nella protezione dei bambini dai pericoli che si nascondono online. Con questa soluzione, i genitori possono scegliere di bloccare l'accesso ad alcune app e siti Web, aiutando i bambini a diventare più consapevoli rispetto ai pericoli, avvisandoli nel momento in cui accedono a siti o app rischiose. Safe Kids tiene traccia e monitora le attività online, fornendo un ulteriore livello di assistenza di cui i genitori possono aver bisogno per proteggere completamente i loro figli dalle minacce esistenti e future.
Per sensibilizzare i giovani a questo problema, Kaspersky Lab in partnership con la Polizia Postale, da mesi sta girando l'Italia con il progetto “Una vita da Social”, una campagna itinerante che raggiunge le principali piazze e scuole delle città. Nata per prevenire episodi di violenza, vessazione, diffamazione e molestie online, ha l'obiettivo di informare i giovani utenti per un approccio consapevole e responsabile alla rete. Le prossime tappe sono: Verona (2 maggio), Brescia (3 maggio), Como (4 maggio), Firenze (7 maggio), Città di Castello - PG (8 maggio), Caserta (9 maggio) e, come ultima tappa, Roma (10 maggio).

TORNA ALLA PAGINA PRINCIPALE


Kaspersky Lab: Proteggere i più piccoli dalle minacce online



La dipendenza dalle interazioni su internet delle nuove generazioni sta portando un terzo (33%) dei genitori a preoccuparsi della

loro dipendenza dal web. Kaspersky Lab e B2B International hanno rilevato che secondo i genitori un ragazzo su dieci (12%), di età inferiore ai 18 anni, è dipendente da Internet. Insieme alla preoccupazione che i figli visualizzino contenuti inappropriati o espliciti (36%) o che comunichino con degli estranei (32%), i genitori temono che i bambini siano incapaci di prendere le distanze dal mondo online.
Oltre la metà dei genitori (51%) ritiene che le minacce online stiano aumentando e queste preoccupazioni hanno spinto il 33% dei genitori a imporre restrizioni sul tempo che i figli possono trascorrere su Internet.
Il problema, però, è che non basta limitare il tempo trascorso online per mettere i bambini al sicuro dai pericoli. In un periodo di 12 mesi, il 44% dei ragazzi ha dovuto affrontare almeno una minaccia online, con un bambino su dieci che accedeva a contenuti inappropriati (12%) o entrava in contatto con software e virus pericolosi (10%).
Pertanto un'alternativa per i genitori impegnati in questa lotta potrebbe essere quella di cercare di risolvere le preoccupazioni a monte, ad esempio, con l'educazione. Oltre un terzo (37%) dei genitori parla regolarmente con i propri figli per insegnare cosa siano le minacce online, mentre il 31% cerca di controllare i propri figli quando sono online, avvertendoli in caso di minacce che potrebbero manifestarsi.
"Per tenere i figli al sicuro non basta che i genitori limitino semplicemente l'accesso al mondo online, serve piuttosto una combinazione di fattori. L'istruzione e la comunicazione giocano un ruolo fondamentale nella possibilità di assicurare ai bambini un utilizzo responsabile e sicuro di Internet. È inoltre fondamentale utilizzare software per rafforzare le difese e in questo la tecnologia può aiutare a ridurre i rischi, consentendo ai bambini di esplorare in sicurezza tutti gli aspetti positivi di Internet e di sviluppare le loro competenze digitali senza doversi preoccupare delle minacce informatiche", commenta Morten Lehn, General Manager Italy di Kaspersky Lab.
Kaspersky Safe Kids è progettato per aiutare i genitori ad adottare un approccio più efficace nella protezione dei bambini dai pericoli che si nascondono online. Con questa soluzione, i genitori possono scegliere di bloccare l'accesso ad alcune app e siti Web, aiutando i bambini a diventare più consapevoli rispetto ai pericoli, avvisandoli nel momento in cui accedono a siti o app rischiose. Safe Kids tiene traccia e monitora le attività online, fornendo un ulteriore livello di assistenza di cui i genitori possono aver bisogno per proteggere completamente i loro figli dalle minacce esistenti e future.
Per sensibilizzare i giovani a questo problema, Kaspersky Lab in partnership con la Polizia Postale, da mesi sta girando l'Italia con il progetto “Una vita da Social”, una campagna itinerante che raggiunge le principali piazze e scuole delle città. Nata per prevenire episodi di violenza, vessazione, diffamazione e molestie online, ha l'obiettivo di informare i giovani utenti per un approccio consapevole e responsabile alla rete. Le prossime tappe sono: Verona (2 maggio), Brescia (3 maggio), Como (4 maggio), Firenze (7 maggio), Città di Castello - PG (8 maggio), Caserta (9 maggio) e, come ultima tappa, Roma (10 maggio).

TORNA ALLA PAGINA PRINCIPALE


Kaspersky Lab: Proteggere i più piccoli dalle minacce online



La dipendenza dalle interazioni su internet delle nuove generazioni sta portando un terzo (33%) dei genitori a preoccuparsi della

loro dipendenza dal web. Kaspersky Lab e B2B International hanno rilevato che secondo i genitori un ragazzo su dieci (12%), di età inferiore ai 18 anni, è dipendente da Internet. Insieme alla preoccupazione che i figli visualizzino contenuti inappropriati o espliciti (36%) o che comunichino con degli estranei (32%), i genitori temono che i bambini siano incapaci di prendere le distanze dal mondo online.
Oltre la metà dei genitori (51%) ritiene che le minacce online stiano aumentando e queste preoccupazioni hanno spinto il 33% dei genitori a imporre restrizioni sul tempo che i figli possono trascorrere su Internet.
Il problema, però, è che non basta limitare il tempo trascorso online per mettere i bambini al sicuro dai pericoli. In un periodo di 12 mesi, il 44% dei ragazzi ha dovuto affrontare almeno una minaccia online, con un bambino su dieci che accedeva a contenuti inappropriati (12%) o entrava in contatto con software e virus pericolosi (10%).
Pertanto un'alternativa per i genitori impegnati in questa lotta potrebbe essere quella di cercare di risolvere le preoccupazioni a monte, ad esempio, con l'educazione. Oltre un terzo (37%) dei genitori parla regolarmente con i propri figli per insegnare cosa siano le minacce online, mentre il 31% cerca di controllare i propri figli quando sono online, avvertendoli in caso di minacce che potrebbero manifestarsi.
"Per tenere i figli al sicuro non basta che i genitori limitino semplicemente l'accesso al mondo online, serve piuttosto una combinazione di fattori. L'istruzione e la comunicazione giocano un ruolo fondamentale nella possibilità di assicurare ai bambini un utilizzo responsabile e sicuro di Internet. È inoltre fondamentale utilizzare software per rafforzare le difese e in questo la tecnologia può aiutare a ridurre i rischi, consentendo ai bambini di esplorare in sicurezza tutti gli aspetti positivi di Internet e di sviluppare le loro competenze digitali senza doversi preoccupare delle minacce informatiche", commenta Morten Lehn, General Manager Italy di Kaspersky Lab.
Kaspersky Safe Kids è progettato per aiutare i genitori ad adottare un approccio più efficace nella protezione dei bambini dai pericoli che si nascondono online. Con questa soluzione, i genitori possono scegliere di bloccare l'accesso ad alcune app e siti Web, aiutando i bambini a diventare più consapevoli rispetto ai pericoli, avvisandoli nel momento in cui accedono a siti o app rischiose. Safe Kids tiene traccia e monitora le attività online, fornendo un ulteriore livello di assistenza di cui i genitori possono aver bisogno per proteggere completamente i loro figli dalle minacce esistenti e future.
Per sensibilizzare i giovani a questo problema, Kaspersky Lab in partnership con la Polizia Postale, da mesi sta girando l'Italia con il progetto “Una vita da Social”, una campagna itinerante che raggiunge le principali piazze e scuole delle città. Nata per prevenire episodi di violenza, vessazione, diffamazione e molestie online, ha l'obiettivo di informare i giovani utenti per un approccio consapevole e responsabile alla rete. Le prossime tappe sono: Verona (2 maggio), Brescia (3 maggio), Como (4 maggio), Firenze (7 maggio), Città di Castello - PG (8 maggio), Caserta (9 maggio) e, come ultima tappa, Roma (10 maggio).

TORNA ALLA PAGINA PRINCIPALE


 SEI NELLA PAGINA 76   Link pagine: 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21 - 22 - 23 - 24 - 25 - 26 - 27 - 28 - 29 - 30 - 31 - 32 - 33 - 34 - 35 - 36 - 37 - 38 - 39 - 40 - 41 - 42 - 43 - 44 - 45 - 46 - 47 - 48 - 49 - 50 - 51 - 52 - 53 - 54 - 55 - 56 - 57 - 58 - 59 - 60 - 61 - 62 - 63 - 64 - 65 - 66 - 67 - 68 - 69 - 70 - 71 - 72 - 73 - 74 - 75 - 76 - 77 - 78 - 79 - 80 - 81 - 82 - 83 - 84 - 85 - 86 - 87 - 88 - 89 - 90 - 91 - 92 - 93 - 94 - 95 - 96 - 97 - 98 - 99 - 100 - 101 - 102 - 103 - 104 - 105 - 106 - 107 - 108 - 109 - 110 - 111 - 112 - 113 - 114 - 115 - 116 - 117 - 118 - 119 - 120 - 121 - 122 - 123 - 124 - 125 - 126 - 127 - 128 - 129 - 130 - 131 - 132 - 133 - 134 - 135 - 136 - 137 - 138 - 139 - 140 - 141 - 142 - 143 - 144 - 145 - 146 - 147 - 148 - 149 - 150 - 151 - 152 - 153 - 154 - 155 - 156 - 157 - 158 - 159 - 160 - 161 - 162 - 163 - 164 - 165 - 166 - 167 - 168 - 169 - 170 - 171 - 172 - 173 - 174 - 175 - 176 - 177 - 178 - 179 - 180 - 181 - 182 - 183 - 184 - 185 - 186 - 187 - 188 - 189 - 190 - 191 - 192 - 193 - 194 - 195 - 196 - 197 - 198 - 199 - 200 - 201 - 202 - 203 - 204 - 205 - 206 - 207 - 208 - 209 - 210 - 211 - 212 - 213 - 214 - 215 - 216 - 217 - 218 - 219 - 220 - 221 - 222 - 223 - 224 - 225 - 226 - 227 - 228 - 229 - 230 - 231 - 232 - 233 - 234 - 235 - 236 - 237 - 238 - 239 - 240 - 241 - 242 - 243 - 244 - 245 - 246 - 247 - 248 - 249 - 250 - 251 - 252 - 253 - 254 - 255 - 256 - 257 - 258 - 259 - 260 - 261 - 262 - 263 - 264 - 265 - 266 - 267 - 268 - 269 - 270 - 271 - 272 - 273 - 274 - 275 - 276 - 277 - 278 - 279 - 280 - 281 - 282 - 283 - 284 - 285 - 286 - 287 - 288 - 289 - 290 - 291 - 292 - 293 - 294 - 295 - 296 - 297 - 298 - 299 - 300 - 301 - 302 - 303 - 304 - 305 - 306 - 307 - 308 - 309 - 310 - 311 - 312 - 313 - 314 - 315 - 316 - 317 - 318 - 319 - 320 - 321 - 322 - 323 - 324 - 325 -



Mail: press@tecnologopercaso.com

Privacy &
Cookies



Powered by MMS - © 2016 EUROTEAM