to all hi-tech lovers



Brevettato e registrato in Italia Xart Fingerprint, il sofisticato sistema di anticontraffazione delle opere d'arte, pensato anche per tutelare compravendite e assicurazioni



Nel corso di Gotha, mostra di alto antiquariato, arti e Novecento, che si terrà presso Fiere di Parma, il nuovo sistema di anticontraffazione Xart Fingerprint

Authentification System® è stato presentato in anteprima.
Il progetto, tutto italiano, nasce dalla collaborazione fra Ce.S.Ar-Centro Studi Archeometrici, Sapienza Università di Roma e la società Ars Mensurae. Xart Fingerprint è un innovativo sistema a prova di contraffazione, con il deposito di un brevetto e la pubblicazione di numerosi articoli scientifici, che consente di realizzare l'impronta digitale di un'opera d'arte. L'idea scaturisce dall'esigenza di catalogare e proteggere le opere d'arte quali dipinti, bronzi, argenti, porcellane, ecc con un efficace sistema antifalsificazione in una molteplicità di situazioni a rischio evitando che queste possano essere, per esempio, duplicate e sostituite, e per meglio identificarle in caso di furto o smarrimento.
Diversamente da tutti i sistemi di antifalsificazione sviluppati precedentemente sulla base dell'applicazione sull'opera di markers - quali etichette, ologrammi o inchiostri invisibili - eludibili nel tempo con l'evoluzione tecnologica, Xart Fingertprint non aggiunge nulla al reperto, ma utilizza le proprietà intrinseche dell'opera stessa, dunque infalsificabile a priori. È l'opera stessa che rappresenta l'antifalsificante.
Per fare ciò si utilizzano le capacità penetranti dei Raggi X e le capacità di ricostruire gli strati interni delle zone esaminate in maniera totalmente non distruttiva, attraverso equazioni di Sherman sui Parametri Fondamentali e analizzare, quindi, gli strati soggiacenti il visibile che, in quanto nascosti, saranno impossibili da duplicare.
Il sistema Xart Fingerprint realizza una vera e propria impronta digitale dell'opera, proprio perché va a rilevare le sue caratteristiche distintive, uniche e irripetibili, con la redazione di una scheda contenente tutti i parametri indispensabili per la descrizione puntuale dell'opera (dimensioni, descrizione, fotografia, attributi, documentazione) oltre a una impronta digitale univoca dell'opera stessa. Xart Fingerprint Authentication System® ha anche un sistema automatico di controllo poiché prevede la determinazione di una "Impronta digitale a chiave pubblica" e una "Impronta digitale a chiave privata".
Al termine dell'analisi strumentale, viene quindi realizzata una vera e propria carta d'identità, che sarà rilasciata al committente.
“Il sistema Xart Fingerprint, con il suo doppio sistema di controllo antifalsificazione a chiave pubblica e privata, conferirà un livello di sicurezza mai raggiunto finora in caso di compravendita di un'opera d'arte. Se l'opera è falsificata le credenziali sono errate e la falsificazione viene automaticamente dichiarata – ha dichiarato Fabio Romano Moroni, Presidente Ce.S.Ar - Centro Studi Archeometrici – inoltre, proprio per il suo livello di sicurezza più alto, si prevede che avrà un impatto positivo anche sul costo delle polizze assicurative, come conseguenza del crollo del rischio associato a contraffazioni o duplicazioni dell'opera”.
“Dopo anni di ricerca nell'ambito dell'antifalsificazione dei Beni Culturali, si è giunti alla conclusione che solo l'identificazione e classificazione di ciò che non si vede, costituisce una valida protezione contro contraffazioni e sostituzioni – ha dichiarato Stefano Ridolfi, responsabile scientifico di Ce.S.Ar. e docente presso Sapienza Università di Roma – per questo motivo il sistema Xart Fingerprint costituisce un'innovazione destinata a garantire un livello di protezione finora mai raggiunto. Solamente ciò che è intrinsecamente nascosto in quanto presente all'interno dell'opera d'arte da proteggere non è falsificabile. È dunque l'opera d'arte stessa che dichiara le sue credenziali a chi le sa ascoltare. Se l'opera è falsificata le credenziali sono sbagliate e la falsificazione viene automaticamente dichiarata”.
“Xart Fingerprint rappresenta un importante valore aggiunto, in quanto garantisce a priori il riconoscimento dell'opera in qualunque condizione. Disporre di un metodo antifalsificazione e riconoscimento di questo tipo, consente di garantire transazioni e operazioni d'investimento su importanti opere d'arte – ha dichiarato Ilaria Dazzi, Antiques Exhibitions Marketing Manager di Gotha/Fiere di Parma – come pure tutte le operazioni di compravendita, assicurazione, valutazione e/o aggiornamento del valore delle opere stesse. Siamo orgogliosi di aver presentato a Gotha in anteprima Xart Fingerprint Authentification System®”.
Come funziona Xart Fingerprint Authentication System®
Le operazioni da effettuare sull'opera durano pochi minuti e possono essere effettuate in laboratorio o direttamente in situ, dove l'opera da catalogare è conservata. L'impronta digitale a chiave pubblica, presente nella "carta d'identità" rilasciata, viene resa effettivamente pubblica nel senso che il riconoscimento della autenticità dell'opera d'arte può essere fatto da chiunque abbia il dipinto a disposizione ovunque esso sia. L'impronta digitale a chiave privata invece apparterrà al solo proprietario dell'opera che potrà gestirlo come meglio crede anche come controllo ultimo in caso di dubbio di una improbabile eventuale falsificazione della chiave pubblica.
L'impronta pubblica sarà verificabile anche sul sito www.fingerprintxart.com inserendo i codici di sicurezza consegnati al committente, che potrà rilasciare a sua discrezione alle Autorità nazionali di pubblica sicurezza e all'Interpol, in caso di furto e ritrovamento in Paese estero. Il committente potrà altresì decidere di rilasciare i codici per accedere alla chiave pubblica per la verifica dell'opera d'arte durante operazioni di compravendita o assicurazione. L'impronta digitale a chiave privata verrà, invece, consegnata al committente su chiave USB criptata.
Per quali attività Xart Fingerprint è più frequentemente utilizzato
Catalogare opere d'arte o intere collezioni pubbliche e/o private
Garantire le collezioni dei Fondi d'investimento in opere arte, salvaguardando quindi i comparti Art & Finance
Proteggere le opere d'arte in caso di prestito per mostre ed esposizioni, rendendole rapidamente verificabili
Tutelare tutte le opere d'arte “notificate”, ovvero dichiarate di interesse storico-artistico, anche al fine di agevolarne l'uscita e rientro dal territorio nazionale in caso di esportazione temporanea
Monitorare e verificare la non sostituzione, duplicazione o contraffazione di un'opera d'arte catalogata mediante Xart Fingerprint Authentication System®, senza averne consapevolezza e/o autorizzazione

TORNA ALLA PAGINA PRINCIPALE


Brevettato e registrato in Italia Xart Fingerprint, il sofisticato sistema di anticontraffazione delle opere d'arte, pensato anche per tutelare compravendite e assicurazioni



Nel corso di Gotha, mostra di alto antiquariato, arti e Novecento, che si terrà presso Fiere di Parma, il nuovo sistema di anticontraffazione Xart Fingerprint

Authentification System® è stato presentato in anteprima.
Il progetto, tutto italiano, nasce dalla collaborazione fra Ce.S.Ar-Centro Studi Archeometrici, Sapienza Università di Roma e la società Ars Mensurae. Xart Fingerprint è un innovativo sistema a prova di contraffazione, con il deposito di un brevetto e la pubblicazione di numerosi articoli scientifici, che consente di realizzare l'impronta digitale di un'opera d'arte. L'idea scaturisce dall'esigenza di catalogare e proteggere le opere d'arte quali dipinti, bronzi, argenti, porcellane, ecc con un efficace sistema antifalsificazione in una molteplicità di situazioni a rischio evitando che queste possano essere, per esempio, duplicate e sostituite, e per meglio identificarle in caso di furto o smarrimento.
Diversamente da tutti i sistemi di antifalsificazione sviluppati precedentemente sulla base dell'applicazione sull'opera di markers - quali etichette, ologrammi o inchiostri invisibili - eludibili nel tempo con l'evoluzione tecnologica, Xart Fingertprint non aggiunge nulla al reperto, ma utilizza le proprietà intrinseche dell'opera stessa, dunque infalsificabile a priori. È l'opera stessa che rappresenta l'antifalsificante.
Per fare ciò si utilizzano le capacità penetranti dei Raggi X e le capacità di ricostruire gli strati interni delle zone esaminate in maniera totalmente non distruttiva, attraverso equazioni di Sherman sui Parametri Fondamentali e analizzare, quindi, gli strati soggiacenti il visibile che, in quanto nascosti, saranno impossibili da duplicare.
Il sistema Xart Fingerprint realizza una vera e propria impronta digitale dell'opera, proprio perché va a rilevare le sue caratteristiche distintive, uniche e irripetibili, con la redazione di una scheda contenente tutti i parametri indispensabili per la descrizione puntuale dell'opera (dimensioni, descrizione, fotografia, attributi, documentazione) oltre a una impronta digitale univoca dell'opera stessa. Xart Fingerprint Authentication System® ha anche un sistema automatico di controllo poiché prevede la determinazione di una "Impronta digitale a chiave pubblica" e una "Impronta digitale a chiave privata".
Al termine dell'analisi strumentale, viene quindi realizzata una vera e propria carta d'identità, che sarà rilasciata al committente.
“Il sistema Xart Fingerprint, con il suo doppio sistema di controllo antifalsificazione a chiave pubblica e privata, conferirà un livello di sicurezza mai raggiunto finora in caso di compravendita di un'opera d'arte. Se l'opera è falsificata le credenziali sono errate e la falsificazione viene automaticamente dichiarata – ha dichiarato Fabio Romano Moroni, Presidente Ce.S.Ar - Centro Studi Archeometrici – inoltre, proprio per il suo livello di sicurezza più alto, si prevede che avrà un impatto positivo anche sul costo delle polizze assicurative, come conseguenza del crollo del rischio associato a contraffazioni o duplicazioni dell'opera”.
“Dopo anni di ricerca nell'ambito dell'antifalsificazione dei Beni Culturali, si è giunti alla conclusione che solo l'identificazione e classificazione di ciò che non si vede, costituisce una valida protezione contro contraffazioni e sostituzioni – ha dichiarato Stefano Ridolfi, responsabile scientifico di Ce.S.Ar. e docente presso Sapienza Università di Roma – per questo motivo il sistema Xart Fingerprint costituisce un'innovazione destinata a garantire un livello di protezione finora mai raggiunto. Solamente ciò che è intrinsecamente nascosto in quanto presente all'interno dell'opera d'arte da proteggere non è falsificabile. È dunque l'opera d'arte stessa che dichiara le sue credenziali a chi le sa ascoltare. Se l'opera è falsificata le credenziali sono sbagliate e la falsificazione viene automaticamente dichiarata”.
“Xart Fingerprint rappresenta un importante valore aggiunto, in quanto garantisce a priori il riconoscimento dell'opera in qualunque condizione. Disporre di un metodo antifalsificazione e riconoscimento di questo tipo, consente di garantire transazioni e operazioni d'investimento su importanti opere d'arte – ha dichiarato Ilaria Dazzi, Antiques Exhibitions Marketing Manager di Gotha/Fiere di Parma – come pure tutte le operazioni di compravendita, assicurazione, valutazione e/o aggiornamento del valore delle opere stesse. Siamo orgogliosi di aver presentato a Gotha in anteprima Xart Fingerprint Authentification System®”.
Come funziona Xart Fingerprint Authentication System®
Le operazioni da effettuare sull'opera durano pochi minuti e possono essere effettuate in laboratorio o direttamente in situ, dove l'opera da catalogare è conservata. L'impronta digitale a chiave pubblica, presente nella "carta d'identità" rilasciata, viene resa effettivamente pubblica nel senso che il riconoscimento della autenticità dell'opera d'arte può essere fatto da chiunque abbia il dipinto a disposizione ovunque esso sia. L'impronta digitale a chiave privata invece apparterrà al solo proprietario dell'opera che potrà gestirlo come meglio crede anche come controllo ultimo in caso di dubbio di una improbabile eventuale falsificazione della chiave pubblica.
L'impronta pubblica sarà verificabile anche sul sito www.fingerprintxart.com inserendo i codici di sicurezza consegnati al committente, che potrà rilasciare a sua discrezione alle Autorità nazionali di pubblica sicurezza e all'Interpol, in caso di furto e ritrovamento in Paese estero. Il committente potrà altresì decidere di rilasciare i codici per accedere alla chiave pubblica per la verifica dell'opera d'arte durante operazioni di compravendita o assicurazione. L'impronta digitale a chiave privata verrà, invece, consegnata al committente su chiave USB criptata.
Per quali attività Xart Fingerprint è più frequentemente utilizzato
Catalogare opere d'arte o intere collezioni pubbliche e/o private
Garantire le collezioni dei Fondi d'investimento in opere arte, salvaguardando quindi i comparti Art & Finance
Proteggere le opere d'arte in caso di prestito per mostre ed esposizioni, rendendole rapidamente verificabili
Tutelare tutte le opere d'arte “notificate”, ovvero dichiarate di interesse storico-artistico, anche al fine di agevolarne l'uscita e rientro dal territorio nazionale in caso di esportazione temporanea
Monitorare e verificare la non sostituzione, duplicazione o contraffazione di un'opera d'arte catalogata mediante Xart Fingerprint Authentication System®, senza averne consapevolezza e/o autorizzazione

TORNA ALLA PAGINA PRINCIPALE


Brevettato e registrato in Italia Xart Fingerprint, il sofisticato sistema di anticontraffazione delle opere d'arte, pensato anche per tutelare compravendite e assicurazioni



Nel corso di Gotha, mostra di alto antiquariato, arti e Novecento, che si terrà presso Fiere di Parma, il nuovo sistema di anticontraffazione Xart Fingerprint

Authentification System® è stato presentato in anteprima.
Il progetto, tutto italiano, nasce dalla collaborazione fra Ce.S.Ar-Centro Studi Archeometrici, Sapienza Università di Roma e la società Ars Mensurae. Xart Fingerprint è un innovativo sistema a prova di contraffazione, con il deposito di un brevetto e la pubblicazione di numerosi articoli scientifici, che consente di realizzare l'impronta digitale di un'opera d'arte. L'idea scaturisce dall'esigenza di catalogare e proteggere le opere d'arte quali dipinti, bronzi, argenti, porcellane, ecc con un efficace sistema antifalsificazione in una molteplicità di situazioni a rischio evitando che queste possano essere, per esempio, duplicate e sostituite, e per meglio identificarle in caso di furto o smarrimento.
Diversamente da tutti i sistemi di antifalsificazione sviluppati precedentemente sulla base dell'applicazione sull'opera di markers - quali etichette, ologrammi o inchiostri invisibili - eludibili nel tempo con l'evoluzione tecnologica, Xart Fingertprint non aggiunge nulla al reperto, ma utilizza le proprietà intrinseche dell'opera stessa, dunque infalsificabile a priori. È l'opera stessa che rappresenta l'antifalsificante.
Per fare ciò si utilizzano le capacità penetranti dei Raggi X e le capacità di ricostruire gli strati interni delle zone esaminate in maniera totalmente non distruttiva, attraverso equazioni di Sherman sui Parametri Fondamentali e analizzare, quindi, gli strati soggiacenti il visibile che, in quanto nascosti, saranno impossibili da duplicare.
Il sistema Xart Fingerprint realizza una vera e propria impronta digitale dell'opera, proprio perché va a rilevare le sue caratteristiche distintive, uniche e irripetibili, con la redazione di una scheda contenente tutti i parametri indispensabili per la descrizione puntuale dell'opera (dimensioni, descrizione, fotografia, attributi, documentazione) oltre a una impronta digitale univoca dell'opera stessa. Xart Fingerprint Authentication System® ha anche un sistema automatico di controllo poiché prevede la determinazione di una "Impronta digitale a chiave pubblica" e una "Impronta digitale a chiave privata".
Al termine dell'analisi strumentale, viene quindi realizzata una vera e propria carta d'identità, che sarà rilasciata al committente.
“Il sistema Xart Fingerprint, con il suo doppio sistema di controllo antifalsificazione a chiave pubblica e privata, conferirà un livello di sicurezza mai raggiunto finora in caso di compravendita di un'opera d'arte. Se l'opera è falsificata le credenziali sono errate e la falsificazione viene automaticamente dichiarata – ha dichiarato Fabio Romano Moroni, Presidente Ce.S.Ar - Centro Studi Archeometrici – inoltre, proprio per il suo livello di sicurezza più alto, si prevede che avrà un impatto positivo anche sul costo delle polizze assicurative, come conseguenza del crollo del rischio associato a contraffazioni o duplicazioni dell'opera”.
“Dopo anni di ricerca nell'ambito dell'antifalsificazione dei Beni Culturali, si è giunti alla conclusione che solo l'identificazione e classificazione di ciò che non si vede, costituisce una valida protezione contro contraffazioni e sostituzioni – ha dichiarato Stefano Ridolfi, responsabile scientifico di Ce.S.Ar. e docente presso Sapienza Università di Roma – per questo motivo il sistema Xart Fingerprint costituisce un'innovazione destinata a garantire un livello di protezione finora mai raggiunto. Solamente ciò che è intrinsecamente nascosto in quanto presente all'interno dell'opera d'arte da proteggere non è falsificabile. È dunque l'opera d'arte stessa che dichiara le sue credenziali a chi le sa ascoltare. Se l'opera è falsificata le credenziali sono sbagliate e la falsificazione viene automaticamente dichiarata”.
“Xart Fingerprint rappresenta un importante valore aggiunto, in quanto garantisce a priori il riconoscimento dell'opera in qualunque condizione. Disporre di un metodo antifalsificazione e riconoscimento di questo tipo, consente di garantire transazioni e operazioni d'investimento su importanti opere d'arte – ha dichiarato Ilaria Dazzi, Antiques Exhibitions Marketing Manager di Gotha/Fiere di Parma – come pure tutte le operazioni di compravendita, assicurazione, valutazione e/o aggiornamento del valore delle opere stesse. Siamo orgogliosi di aver presentato a Gotha in anteprima Xart Fingerprint Authentification System®”.
Come funziona Xart Fingerprint Authentication System®
Le operazioni da effettuare sull'opera durano pochi minuti e possono essere effettuate in laboratorio o direttamente in situ, dove l'opera da catalogare è conservata. L'impronta digitale a chiave pubblica, presente nella "carta d'identità" rilasciata, viene resa effettivamente pubblica nel senso che il riconoscimento della autenticità dell'opera d'arte può essere fatto da chiunque abbia il dipinto a disposizione ovunque esso sia. L'impronta digitale a chiave privata invece apparterrà al solo proprietario dell'opera che potrà gestirlo come meglio crede anche come controllo ultimo in caso di dubbio di una improbabile eventuale falsificazione della chiave pubblica.
L'impronta pubblica sarà verificabile anche sul sito www.fingerprintxart.com inserendo i codici di sicurezza consegnati al committente, che potrà rilasciare a sua discrezione alle Autorità nazionali di pubblica sicurezza e all'Interpol, in caso di furto e ritrovamento in Paese estero. Il committente potrà altresì decidere di rilasciare i codici per accedere alla chiave pubblica per la verifica dell'opera d'arte durante operazioni di compravendita o assicurazione. L'impronta digitale a chiave privata verrà, invece, consegnata al committente su chiave USB criptata.
Per quali attività Xart Fingerprint è più frequentemente utilizzato
Catalogare opere d'arte o intere collezioni pubbliche e/o private
Garantire le collezioni dei Fondi d'investimento in opere arte, salvaguardando quindi i comparti Art & Finance
Proteggere le opere d'arte in caso di prestito per mostre ed esposizioni, rendendole rapidamente verificabili
Tutelare tutte le opere d'arte “notificate”, ovvero dichiarate di interesse storico-artistico, anche al fine di agevolarne l'uscita e rientro dal territorio nazionale in caso di esportazione temporanea
Monitorare e verificare la non sostituzione, duplicazione o contraffazione di un'opera d'arte catalogata mediante Xart Fingerprint Authentication System®, senza averne consapevolezza e/o autorizzazione

TORNA ALLA PAGINA PRINCIPALE


 SEI NELLA PAGINA 48   Link pagine: 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21 - 22 - 23 - 24 - 25 - 26 - 27 - 28 - 29 - 30 - 31 - 32 - 33 - 34 - 35 - 36 - 37 - 38 - 39 - 40 - 41 - 42 - 43 - 44 - 45 - 46 - 47 - 48 - 49 - 50 - 51 - 52 - 53 - 54 - 55 - 56 - 57 - 58 - 59 - 60 - 61 - 62 - 63 - 64 - 65 - 66 - 67 - 68 - 69 - 70 - 71 - 72 - 73 - 74 - 75 - 76 - 77 - 78 - 79 - 80 - 81 - 82 - 83 - 84 - 85 - 86 - 87 - 88 - 89 - 90 - 91 - 92 - 93 - 94 - 95 - 96 - 97 - 98 - 99 - 100 - 101 - 102 - 103 - 104 - 105 - 106 - 107 - 108 - 109 - 110 - 111 - 112 - 113 - 114 - 115 - 116 - 117 - 118 - 119 - 120 - 121 - 122 - 123 - 124 - 125 - 126 - 127 - 128 - 129 - 130 - 131 - 132 - 133 - 134 - 135 - 136 - 137 - 138 - 139 - 140 - 141 - 142 - 143 - 144 - 145 - 146 - 147 - 148 - 149 - 150 - 151 - 152 - 153 - 154 - 155 - 156 - 157 - 158 - 159 - 160 - 161 - 162 - 163 - 164 - 165 - 166 - 167 - 168 - 169 - 170 - 171 - 172 - 173 - 174 - 175 - 176 - 177 - 178 - 179 - 180 - 181 - 182 - 183 - 184 - 185 - 186 - 187 - 188 - 189 - 190 - 191 - 192 - 193 - 194 - 195 - 196 - 197 - 198 - 199 - 200 - 201 - 202 - 203 - 204 - 205 - 206 - 207 - 208 - 209 - 210 - 211 - 212 - 213 - 214 - 215 - 216 - 217 - 218 - 219 - 220 - 221 - 222 - 223 - 224 - 225 - 226 - 227 - 228 - 229 - 230 - 231 - 232 - 233 - 234 - 235 - 236 - 237 - 238 - 239 - 240 - 241 - 242 - 243 - 244 - 245 - 246 - 247 - 248 - 249 - 250 - 251 - 252 - 253 - 254 - 255 - 256 - 257 - 258 - 259 - 260 - 261 - 262 - 263 - 264 - 265 - 266 - 267 - 268 - 269 - 270 - 271 - 272 - 273 - 274 - 275 - 276 - 277 - 278 - 279 - 280 - 281 - 282 - 283 - 284 - 285 - 286 - 287 - 288 - 289 - 290 - 291 - 292 - 293 - 294 - 295 - 296 - 297 - 298 - 299 - 300 - 301 - 302 - 303 - 304 - 305 - 306 - 307 - 308 - 309 - 310 - 311 - 312 - 313 - 314 - 315 - 316 - 317 - 318 - 319 - 320 - 321 - 322 - 323 - 324 - 325 -



Mail: press@tecnologopercaso.com

Privacy &
Cookies



Powered by MMS - © 2016 EUROTEAM